WhatsApp sfida Facetime, Skype e Messenger: arrivano le videochiamate COMMENTA  

WhatsApp sfida Facetime, Skype e Messenger: arrivano le videochiamate COMMENTA  

Chiamate Whatsapp: come si fanno, quanto si spende
Chiamate Whatsapp: come si fanno, quanto si spende

Viedochiamate cripitate su WhatsApp a partire dal prossimo lunedì. Funzione che sarà attiva in 180 paesi nel mondo.

WhatsApp, la chat da un miliardo di utenti, dal prossimo lunedì aggiornerà la sua app di messaggistica che sarà integrata della  possibilità di fare videochiamate criptate. Mossa a  favore dei sostenitori della privacy preoccupati per l’annunciata super sorveglianza del governo americano sotto l’amministrazione del neo presidente Donald Trump.


Non è il primo passo dell’app, (app che dal 2014 è di proprietà di Facebook), in direzione  tutela delle comunicazioni. App che lo scorso agosto si è trovata sotto accusa per aver condiviso i dati dei suoi utenti con Facebook.


Ma WhatsApp all’inizio del 2016 ha introdotto la crittografia end-to-end nelle sue chat di messaggistica istantanea, il che rende tecnicamente impossibile per le autorità aziendali o governativi poter leggere i messaggi o ascoltare le chiamate. Questo nuovo servizio di videochat sarà uno strumento in più, consentirà di comunicare in video senza temere alcun tipo di  intercettazione.


Jan Koum,  fondatore assieme a Brian Acton di WhatsApp, ha annunciato che la funzione sarà attiva in 180 paesi, lunedì prossimo e che si assetterà  nel giro di poche ore dopo un evento programmato in India. “Noi cerchiamo di essere sempre in sintonia con ciò che i nostri utenti vogliono”, ha aggiunto dal quartier generale dell’azienda a Mountain View, in California,  dove lavorano circa  200 dipendenti.

L'articolo prosegue subito dopo

“Volevamo a tutti i costi che voce e video funzionassero bene anche su telefoni di fascia bassa”, continua Jan Koum. Il fondatore si riferisce al livello di  miglioramenti acquisiti nell’industria di produzione di telefonia. Dal potenziare le  fotocamere dei telefoni, alla durata della batteria fino l’aumento della larghezza di banda. Tutti aspetti che sono molto  importanti per la gran parte degli utenti WhatsApp, compresi anche quelli che utilizzano gli smartphone a basso costo.

WhatsApp renderà  possibili le videochiamate ma solo all’interno delle conversazioni tra due persone. In poche parole, sarà  possibile fare videochiamate a due, ma non lo sarà di gruppo.

Per videochiamare basterà  entrare in una chat e far partire una telefonata come si fa normalmente (in pratica, si tocca l’icona a forma di telefono). Però, solo se  l’applicazione verrà aggiornata con la  versione corretta. La telefonata non partirà immediatamente: avrete in alto un menù da cui sarà possibile scegliere se fare una chiamata vocale o, per l’appunto, video.

Da questo punto in avanti si procede come per tutte le altre app simili: a tutto schermo arriverà  l’immagine della persona cui si sta videotelefonando mentre in un riquadro più piccolo si può controllare quello che la nostra videocamera sta inquadrando. È possibile usare sia la telecamera frontale (in stile selfie) che quella posteriore (magari per sfruttarne una  maggiore definizione). Infine sarà  possibile togliere l’audio al microfono, con la funzione “muto”.

Di certo la possibilità di fare le videochiamate con WhatsApp è una delle funzione  attualmente più richieste dagli utenti di tutto il mondo. Il ritardo di questa implementazione è stato motivato e giustificato con la necessità di rendere disponibile il servizio a tutti, veramente tutti fin da subito. Ovvero, per rendere possibile fare videochiamate su WhatsApp con tutti i telefoni, non solo con gli smartphone più costosi.

Leggi anche

About Chiara Cichero 963 Articoli
Mamma, laureata, scrittrice incallita, ambientalista da una vita, esperta in Pnl, in comunicazione di massa e nel benessere emotivo. Maremmana per amore di questa terra tanto rigogliosa, fiorentina di nascita e di formazione. Blogger e redattrice on line, attualmente studentessa in Seo Web Marketing Specialist.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*