I 10 lavori in crescita COMMENTA  

I 10 lavori in crescita COMMENTA  

Nel 2012 hanno avuto molto successo e sono stati ruoli molto ricercati sia dalle agenzie di lavor temporaneo, sia dalle stesse aziende. Sembrano essere in espansione anche nel 2013 e per alcuni anni seguenti. Sono i lavori che, secondo una statistica redatta da American On Line, nel mondo garantiscono una maggior probabilità di trovare un posto.

Leggi anche: New York ringrazia Venezia


Al primo posto c’è il Farmacista, con una previsioni di crescita del 25% entro il 2020, al secondo il programmatore di software con una crescita del 30% al 2020, poi fisioterapista (39%) e logopedista (23%), seguiti, al quinto posto, dall’infermiere professionale con una crescita stimata del 26% al 2020.

Leggi anche: I reperti della Callas di nuovo in mostra a Venezia


La seconda parte della classifica vede al sesto e settimo posto rispettivamente il contabile e il venditore (16% per entrambi), poi l’assistente amministrativo (12%). Al nono posto abbiamo l’addetto al customer service col 15% di crescita stimata al 2020, e in ultima posizione la centralinista con una crescita del 24%.

Le posizioni di tale classifica, basata prevalentemente su statistiche americane, sono state ordinate in base anche allo stipendio medio retribuito al dipendente. Un farmacista quindi prende mediamente di più rispetto ad un centralinista.


Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*