I 10 stereotipi di ‘quella da aperitivo’

Style

I 10 stereotipi di ‘quella da aperitivo’

image
L’aperitivo, il nuovo punto di riferimento di singles e accoppiati posseduti dal desiderio di bere prima di cena, ha ormai preso piede talmente bene, da essere considerato un altro pasto oltre a pranzo e cena. Il maschio e’ spesso un osservatore, lavoratore, studente, disoccupato, poco importa. La donna invece assume varie sfumature, vediamone dieci (per ora):

  1. La habitue’. C’e’ sempre, conosce tutti, guarda gli sconosciuti come a stranieri e ha l’autorita’ per stare anche dietro al bancone. Si sente invidiatissima, ma se qualcuno non le da’ attenzione, si sente sfigatissima.
  2. Quella col cane. C’e’ lei e quel cane che non sai mai se lo porta per la passeggiatina oppure perche’ la distingue da tutte le altre che non ce l’hanno.
  3. La pischella ridens. Sta li’ con la birretta e ne beve un dito. Attacca a ridere. Vorresti ucciderla dopo due ore che ride anche se le confessi che e’ morta tua nonna.
  4. La prorompente.

    E’ secca, secca, ma ha due montagne al posto del petto e piu’ bevi e piu’ crescono e piu’ bevi e piu’ si accorge che gliele fissi, ma non puoi farci nulla.

  5. La festaiola. Sa tutto dei party che andranno in scena nelle prossime ore. Se le stai vicino e la segui, sicuro che torni alle sei di mattina, tu ubriaco perso, lei appena assonnata. Il bello e’ che ci eri uscito per provarci e non ti sono bastate tre feste e due after per vederla almeno su di giri.
  6. La muccotta. Si’, e’ molto morbida, davanti ha una latteria, e non aspetta altro che qualcuno la munga per benino. Te la ritrovi la mattina accanto, ma non ricordi quando e come di tutto il resto.
  7. La viveur. E’ quella che magari nella borsetta ha anche qualche bustina illegale, sa stare al mondo e non disdegna al momento giusto un colpetto di anca.

    Forse l’unico problema e’ che sara’ rigida come una panchina.

  8. La sbiascica. Non avra’ il tempo di pensare ad altro che non al drink. Incredibile come puo’ mutare anche solo in un’ora. Dopo due ore, non riconoscera’ piu’ nessuno. Dopo tre ore, parlera’ un linguaggio denso di vocali ma zero consonanti.
  9. La facile. Lo sanno tutti. Gira la voce. Infatti e’ cosi’. Non beve neanche troppi aperitivi. Ci sta con la testa. Sei su di giri. E’ andata vai. Si’, ma poi. All’aperitivo successivo fate finta di non vedervi. Ma lo sanno tutti.
  10. L’irraggiungibile. Perfetta. Curve e vestiti da copertina. In pochi la conoscono. Non si sa nulla di lei. Solo che spicca tra tutte. Bellezza. In pochi le parlano. Fortunatissimi. Arriva il tuo giorno. Finalmente le parli. E scopri tutta La verita’: le puzza l’alito come una carogna putrefatta dimenticata al sole.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Andrea Paolucci 2643 Articoli
Andrea Paolucci è l'autore di WUH! - Gorilla Sapiens Edizioni http://www.gorillasapiensedizioni.com/libri/wuh
Contact: