I benefici dell’aglio contro Parkinson e Alzheimer

News

I benefici dell’aglio contro Parkinson e Alzheimer

L’aglio ha moltissime proprietà benefiche per l’organismo. Questo comunissimo vegetale, oltre ad avere effetti benefici sull’ipertensione e l’ipercolesterolemia, è ottimo nella prevenzione di ictus e malattie cardiovascolari in genere. In particolare uno studio recente ha messo in evidenza le conseguenze positive dell’aglio su patologie neurologiche come il Parkinson e l’Alzheimer. La ricerca, effettuata dall’Università del Missouri, è stata pubblicata su PLOS ONE. Lo studio ha indagato gli effetti dell’estratto di aglio invecchiato (conosciuto come AGE) e derivati dei carboidrati (FruArg) su alcune particolari cellule del sistema nervoso centrale (chiamate microglia).

Come spiega il professor Zezong Gu, che ha guidato la ricerca, le cellule della microglia si trovano nel midollo spinale e nel cervello e sono in grado di proteggere le altre cellule cerebrali fronteggiando le eventuali criticità che sopraggiungono. Il FruArg, invece, interviene a stimolare la produzione di antiossidanti che curano e proteggono le cellule del cervello. L’aglio quindi è un toccasana per il nostro cervello, lo aiuta infatti a combattere l’invecchiamento e le malattie neurologiche.

Gli studiosi ritengono che in futuro il FruArg possa essere applicato anche alla risoluzione di diabete, cancro e patologie cardiache.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche