I castelli medievali in Italia COMMENTA  

I castelli medievali in Italia COMMENTA  

Il Castello Normanno Svevo, a Bari, costruito da Federico II tra il 1233 e il 1240 e ristrutturato da Isabella d’Aragona nel ‘500.

Il Castello di San Giorgio a Mantova costruito da Bartolino da Novara tra il 1395 e il 1400 per volontà di Francesco I di Gonzaga.


In Sicilia, ad Erice, dove vi consiglio di visitare il Castello Venere ad Erice eretto tra il XII e il XIII secolo.

La Rocca Maggiore ad Assisi, utilizzata da Federico Barbarossa durante i suoi soggiorni in Italia. Distrutta durante un sollevamento popolare nel 1198, fu ricostruita nel 1356 dal Cardinale Albornoz rispettando l’impianto originale.


Il Castello del Buonconsiglio a Trento edificato nel 1240 intorno a un’antica torre e più volte ampliato nel corso dei secoli.

Il Castello Estense a Ferrara, costruito nel 1385 da Niccolò II lo Zoppo come una fortezza, su progetto di Bartolino da Novara, dal 1995 è stato inserito dall’UNESCO nella lista del patrimonio mondiale dell’Umanità.


Il Castello Scaligero a Sirmione, costruito nel XIII secolo, da Martino I della Scala.

Il Castello di Fenis, situato in Valle d’Aosta, in località Nus. Costruito dalla famiglia Challant nel 1716, come propria residenza e non come baluardo difensivo, fu in seguito ridotto a fattoria. Nel 1895 fu restaurato da Alfredo d’Andrade, appassionato ricercatore e conservatore delle memorie storiche valdostane e visitandolo è impossibile non pensare ai castelli delle fiabe.

L'articolo prosegue subito dopo


Il Castello Sforzesco di Milano la cui costruzione fu iniziata dai Visconti nel 1368 e terminata dagli Sforza che lo usarono come dimora a partire dal 1466.

Castel del Monte, eretto nel 1229-49 per volontà di Federico II a circa 50 Km da Bari. Castel del Monte è iscritto dal 1996 nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO “per la perfezione delle sue forme e l’unione di elementi di stile dell’Europa del Nord, del mondo arabo e dell’antichità“. E’ il castello che nella sua semplicità e forse anche per la sua posizione “nel bel mezzo del nulla”, tra gli ulivi di una collina pugliese, mi trasmette sensazioni uniche che mi fanno tornare con tutti i sensi indietro nei secoli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*