I cibi anti-tumore

Salute

I cibi anti-tumore

La lotta al tumore comincia a tavola, limitando i cibi a rischio e aumentando il consumo di quelli considerati anti-cancro. Gli ultimi studi scientifici rivelano che una dieta basata su frutta, verdura e alimenti integrali riduce di un terzo il rischio di tumore. L’azione antitumorale di un alimento è legata a tre fattori: la quantità (in media 200-250 grammi al giorno) la qualità (come è prodotto e come è cucinato) e la costanza con cui viene consumato (il consumo deve essere regolare, più volte durante la settimana).

La ricerca ha confermato l’effetto protettivo rispetto ai tumori delle verdure crude e cotte, tra cui le verdure a foglia: spinaci, insalate, bietole, cicoria, verza. Consumando almeno 200 grammi al giorno di questi alimenti il rischio di tumore (soprattutto alla mammella) si riduce di un terzo. Nella categoria di “verdura e frutta” ci sono diversi alimenti in grado di proteggere contro i tumori: le arance (utili alla prevenzione dei tumori dell’esofago e dello stomaco), i cavoli, i broccoli, i cavolfiori, i cavoletti di Bruxelles, la verza (sono efficaci soprattutto nel prevenire i tumori al seno, alla vescica, alla prostata, al colon-retto, al polmone), il pomodoro svolge un’azione anti-tumorale grazie al “licopene”, che è un efficace antiossidante. Anche lo scalogno, la cipolla, l’aglio, il porro sono cibi anti-tumorali se consumati freschi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...