I Cloud, archivi invisibili di dati COMMENTA  

I Cloud, archivi invisibili di dati COMMENTA  

Hai la tendenza ad accumulare di tutto e di più, non solo a casa, ma anche sui cellulari ed il pc? Niente paura, contro la “stuffocation” (così viene denominata tale tendenza all’accumulo) c’è un rimedio efficace. Da oggi puoi dire addio a libri, dischi e dvd e svuotare gli hard disk e utilizzare i Cloud, sistemi di ultima generazione che immagazzinano in rete immagini, testi, video. In pratica, si tratta di archivi enormi invisibili (per questo le hanno denominate “nuvole”) a cui si può accedere in qualunque momento.


Con Amazon i romanzi preferiti vengono dirottati nella nuvola Kindle (per leggerli è disponibile una App specifica), per gli appassionati di telefilm e cinema c’è Netflix, un servizio di tv via web. Con un abbonamento mensile puoi guardare programmi e film in streaming su computer, tv, Xbox, PlayStation, tablet: in Italia arriverà tra poco tempo. Dropbox invece è un programma utile a liberare le scrivanie dai “fogli” inutili, per iscriversi basta un indirizzo mail e i file vengono automaticamente salvati su tutti i dispositivi utilizzati, compreso lo smartphone.


 

Leggi anche

matteo achilli
Tecnologia

Intervista a Matteo Achilli: Egomnia, startup e dubbi

Matteo Achilli è un imprenditore italiano di 25 anni che nel 2012 ha fondato Egomnia, una piattaforma per chi cerca e offre lavoro. Appena ventenne, si è conquistato la copertina di Panorama Economy, che lo ha battezzato l’ “Italian Zuckerberg”. A distanza di 5 anni la società non decolla, le polemiche invece spiccano il volo. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*