I consumatori non leggono le etichette che comunque sono poco chiare COMMENTA  

I consumatori non leggono le etichette che comunque sono poco chiare COMMENTA  

 Uno studio della McGill university pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology, evidenzia come il consumatore medio ignori completamente le avvertenze su potenziali elementi allergenici presenti nelle etichette delle confezioni alimentari. Moshe Ben-Shoshan, autore della ricerca dell’Health Center di Montreal della McGill, ha spiegato: “Abbiamo scoperto che le persone sono piu’ propense a ignorare le etichette di avvertimento. E’ una scoperta che ci ha lasciato sorpresi. Sono necessarie una maggiore consapevolezza dei consumatori e un aumento dell’attenzione delle industrie a rendere evidenti e chiari gli avvertimenti”. Circa il 44 per cento dei consumatori direttamente colpiti da allergie ha sostenuto di acquistare prodotti che mostrano l’avvertimento “puo’ contenere arachidi/noci/sesamo”. Solo circa il 10 per cento e’ davvero attento mentre e’ abbastanza vigile il 16 per cento dei consumatori che si occupano della spesa alimentare con un parente allergico in famiglia. “E’ fondamentale, alla luce dei risultati, promuovere l’omologazione delle etichette per allergici e provvedere alla realizzazione di avvertimenti chiari che evidenzino manifestamente la non idoneita’ attraverso l’annuncio ‘non adatto a’”.

Leggi anche

About Chiara Cichero 1241 Articoli
Mamma, laureata, scrittrice incallita, ambientalista da una vita, esperta in Pnl, in comunicazione di massa e nel benessere emotivo. Maremmana per amore di questa terra tanto rigogliosa, fiorentina di nascita e di formazione. Blogger e redattrice on line, attualmente studentessa in Seo Web Marketing Specialist.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*