I Demoni nell’Antichità COMMENTA  

I Demoni nell’Antichità COMMENTA  

Il termine demone come lo intendiamo oggi, si riferisce ad un essere soprannaturale con cattive intenzioni.

Ma non è stato sempre così.

Nell’antica Grecia, un demone era uno spirito itinerante tra i mortali e gli dei, una specie di divinità minore, o di fantasma degli eroi morti e semi-divinità (figli e figlie degli Dei). Non erano né benevoli, né malevoli.

Leggi anche: Mitologia o verità? La storia di Gilgamesh (Re di Uruk)


Le religioni del Nord Africa descrivono i demoni come esseri immortali in possesso di una mente capace, logica e ragionevole. Un soggetto animato da passione e da un temperamento animalesco, e dal corpo spettrale.


Gli Egiziani credevano nei demoni: per esempio Apep (Apophis) è stato creduto essere la deificazione delle tenebre e del caos; Ammit è era l’incarnazione della vendetta divina per le malefatte che qualcuno aveva commesso nella propria vita.


In India, un dasha ha una connotazione negativa. Si credono essere spiriti che ostacolano lo sviluppo spirituale del mistico. Questi dasha sono riportati nel Rig-Veda, uno dei più antichi documenti dell’induismo – Vedismo. Sono presenti anche nel buddismo dove sono le convinzioni d’ostacolo mentale per arrivare ad ottenere dei chiarimenti.

L'articolo prosegue subito dopo


In Babilonia e Sumeria, i demoni avevano influenza sulle emozioni, come l’amore, l’odio, la rabbia, la gioia e la tristezza.

Il Giudaismo, nella lotta per ottenere un vantaggio in quella regione del mondo li ha trasformati in demoni, con intenti malevoli. Molti dei pagani di altre religioni, come Baal, Lilith erano in realtà entità benevole in altre religioni. Belzebù era il nome di un dio filisteo, trasformato in un demone da antichi sacerdoti ebrei. Satana stesso si crede essere stato il re di Babilonia Nabucodonosor, che mise in schiavitù gli ebrei durante l’esodo nel V secolo a.c

Succubus e Incubus, erano demoni che prendevano la forma di un bel essere umano per sedurre le persone nei sogni al fine di avere rapporti sessuali con loro. Questi demoni erano adorati in Mesopotamia, prima di essere trasformati in demoni cattivi dalla mitologia ebraica e cristiana.

La maggior parte della nostra comprensione di demoni e angeli deriva però dallo Zoroastrismo. Nello Zoroastrismo, una religione persiana antica, i demoni erano una parte della tradizione. Erano divinità. Nell’ “Avesta” la Bibbia dello zoroastriano, troviamo la personificazione del Male, come il capo dei demoni. Troviamo anche degli incantesimi nell’ Avesta contro demoni e le istruzioni per la purificazione al fine di proteggere se stessi dall’ essere posseduti dai demoni. Questa convinzione è stata recuperata dalla religione ebraica, e in seguito dai cristiani.

Leggi anche

come-fare-sopracciglia-ad-ali-di-gabbiano
Guide

Come fare sopracciglia ad ali di gabbiano

Danno armonia a tutto il viso, eppure spesso vengono trascurate: le sopracciglia tornano protagoniste grazie alle star che adottano lo stile ali di gabbiano Sono molto di moda, piacciono, ma non sono adatte a tutti i volti. Sono le sopracciglia a forma di ali di gabbiano, che esaltano il magnetismo dello sguardo femminile, ma che non stanno bene a chiunque: il primo passo da fare prima di intervenire sulla “cornice” dei nostri occhi, infatti, è quello di chiedere un consiglio ad un esperto, possibilmente un estetista che ci sappia indicare con sincerità la soluzione più adatta ai nostri lineamenti. Ottenuto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*