I dieci peggiori giocatori da sfidare a calcetto

Calcio

I dieci peggiori giocatori da sfidare a calcetto

[Fonte LeDieci] – Quali sono i peggiori giocatori di serie A, ma anche i loro corrispettivi nel mondo comune, contro i quali è meglio eivtare una sfida a calcetto? Iniziamo dai giocatori ‘religiosi’, come Nicola Legrottaglie, che non entrano in campo se non si fanno il segno della croce, come se Dio fosse sempre a loro disposizione. Proseguiamo con i giocatori ‘glamour’, che se durante la partita vedono un pelo di troppo sono capaci di sospenderla; David Beckham ne è un chiaro esempio: personaggi che devono essere alla moda anche quando si trovano sul campo, accessori compresi. Ci sono poi i Mario Balotelli, quelli cioè che arrivano sempre in ritardo, costringendo gli altri ad attenderli e dunque influenzando la partita o costringendo ad iniziare una partita 4 contro 5. Odiati e da punire in campo. E gli Stefano Mauri? sono i giocatori ai quali manca sempre un euro, e quando si raccolgono i soldi per l’affitto del campo, hanno sempre qualche moneta, o banconota che gli manca.

Scommettitori.

Proseguiamo con Gli Amauri, ovvero il giocatore-totem dell’attacco meglio noto come l’uomo in meno. Vengono testati in difesa ma visti i risultati a dir poco disastrosi vengono mandati in avanti per ragioni di opportunità. Loro si autoconvincono di essere fortissimi ma in realtà rimangono incapaci e odiati dai compagni di squadra. Inconsistenti. I Marko Arnautovic sono considerati i burloni della squadra, quelli che si fanno stampare il 69 sulla maglietta. I giocatori che non vogliono mai andare in porta sono identificati come gli Zlatan Ibrahimovic, quello che non vuole mai andare in porta quando ci si alterna a giro o che quando va tra i pali non vi rimane più di un minuto. Ingrato.

I Cristiano Ronaldo sono invece i giocatori belli e impossibili, sempre perfetti e impeccabili, con ciuffo che non si muove di un millimetro neanche con la peggior pallonata e addominali scolpiti; sempre concentrati e in cerca delle telecamere…anche quando si gioca tra amici.

Proseguiamo con i Marco Tardelli di Spagna82, ovvero i giocatori che hanno il coraggio di esultare.

Comprendono l’importanza del match al punto tale da avere pronta la coreografia per la rete e, anche nelle partite più disgraziate, sanno esultare nel modo più scenografico possibile. Chiudiamo con i Lionel Messi, I giocatori dell’altra squadra che hanno vinto tre palloni d’oro. Sono i più attenti e precisi al punto da risultare quasi letali e fanno chiedere agli avversari perchè continuare a praticare questo sport. Semplicemente the best.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche