I dolcificanti sono sicuri?

Guide

I dolcificanti sono sicuri?

Due gruppi di scienziati italiani hanno rivisto gli studi pubblicati negli ultimi anni sui possibili effetti nocivi del consumo di sostituti dello zucchero. Risultato? Non c’è nulla di cui preoccuparsi. Di tanto in tanto si torna a parlare di dolcificanti: fanno bene, fanno male, servono davvero a dimagrire, provocano tumori o altre malattie, ecc.

Una recente revisione di numerosi studi scientifici pubblicati sull’argomento negli ultimi ventidue anni e condotta dai ricercatori italiani (il gruppo della tossicologa Marina Marinovich e quello dell’epidemiologo Carlo La Vecchia), pubblicata in Luglio su una rivista scientifica, ha sgomberato il campo da ogni dubbio, riconfermando- se mai fosse necessario- la sicurezza dell’aspartame e dei dolcificanti a basso contenuto di calorie.

Nel revisionare e comparare i lavori già compiuti sull’argomento, gli esperti si sono concentrati su alcune specifiche malattie come: certe tipologie di tumore (al cervello, al seno, al pancreas, al tratto digerente), neoplasie ematopoietiche, come il linfoma di Hodgkin, malattie cardiache e parti prematuri.

La revisione degli studi epidemiologici sulla relazione tra aspartame e tumore ha rilevato, per quello al cervello, che non vi è alcun aumento dl rischio nei bambini e negli adulti che hanno consumato cibi e bevande contenenti aspartame.

Gli studi esistenti su aspartame e tumori ematopoietici, come il linfoma di Hodgkin, non hanno mostrato l’esistenza di una associazione. Non vi sono, infine, evidenze di rapporti tra questi alimenti e altri tumori, come quello al seno e al pancreas, e in generale con molti dei tipi di tumori più comuni.

Anche esaminando le possibili relazioni tra il consumo di aspartame e problemi diversi, come le malattie cardiovascolari e il parto prematuro, non è stato accertato alcun tipo di legame. Analizzando le ricerche sulla tossicità dei dolcificanti è emersa l’esistenza di alcuni studi tossicologici sui roditori che rileverebbero effetti avversi dell’aspartame sulla salute, come leucemie e tumore al fegato. Gli autori degli studi, però, hanno notato che tali ricerche non si basano su solide fondamenta scientifiche, ma hanno dei limti riguardanti la metodologia con cui sono stati condotti e la loro replicabilità, un aspetto fondamentale nella valutazione delle analisi scientifiche.

Che cos’è l’aspartame

L’aspartame è un dolcificante che viene usato soprattutto per le bibite “light” perché, rispetto ad altri, ha un gusto molto neutro e si presta anche per prodotti dal sapore delicato.

Purtroppo nel nostro Paese il consumo di bibite light è molto basso rispetto ad altri luoghi. La gente ignora che bere un bicchiere delle bibite zuccherate classiche porta lo stesso numero di calorie di mezzo panino e per di più con un innalzamento glicemico decisamente più rapido. Inoltre, se mangiamo mezzo panino, poi probabilmente ci serviremo meno pasta, ma questo non accade se beviamo una bibita gassata. A parità di potere dolcificante, 10 gr di zucchero forniscono 40 calorie, contro le zero calorie dell’aspartame.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*