I leoni marini sanno tenere il ritmo? COMMENTA  

I leoni marini sanno tenere il ritmo? COMMENTA  

La teoria generale a cui si fa riferimento attesta che i mammiferi non umani, quindi gli animali in grado di allattare, semplicemente non riescono a tenere il ritmo. In realtà, è stato sempre più notato come i mammiferi abbiano la capacità di mimetismo vocale ancora prima di cominciare ad avere un senso di ritmo musicale. A quanto pare è venuto messo in evidenza dalle abilità di pappagalli e altri uccelli.

Tuttavia, un leone marino chiamato Ronan ha ribaltato tutte le precedenti ipotesi. Ha dimostrato che è in grado di per muovere la testa al ritmo di canzoni. Lei è in grado di fare tutto ciò, senza essere in grado di imitare le voci, perché i leoni marini hanno capacità vocali molto limitate.


I suoi addestratori sono i ricercatori della University of California di Santa Cruz, dove Ronan ha vissuto da quando è stata salvata dopo essere rimasta bloccata. I ricercatori hanno subito notato che lei era particolarmente vivace e così hanno deciso di vedere se poteva essere addestrata reagendo al ritmo.


La ricerca è culminata in uno studio che è stato pubblicato sul Journal of Comparative Psychology il 1 ° aprile 2013. Come l’autore principale, Peter Cook, ha spiegato:

“Il successo di Ronan pone un vero problema per la teoria che il mimetismo vocale è un presupposto necessario per il trascinamento ritmico. L’idea era che il ritmo tenuto è un effetto collaterale fortuito dato dagli adattamenti del mimetismo vocale, che richiede la corrispondenza di segnali uditivi in arrivo con il comportamento vocale in uscita… La nostra scoperta rappresenta una nota di cautela per un’idea che sta davvero iniziando a prendere piede nel campo della psicologia comparata.”

La teoria del trascinamento ritmico, o la capacità nei mammiferi di mantenere il ritmo, è stato precedentemente associato solo con gli uccelli, da qui il suggerimento che il mimetismo vocale era un prerequisito. Questo è quello che provvisoriamente, hanno concluso gli studi in materia che hanno avuto luogo fin dal 2009 e che erano stati in gran parte ispirati da un cacatua.


Il cacatua, chiamato Palla di neve, è diventato un fenomeno della rete quando è stato girato il video di lui che ballava su una canzone dei Backstreet Boys.

Gli accademici dell’ UC di Santa Cruz hanno così portato avanti le ricerche e hanno così scoperto che quasi tutti i clip su Internet erano veri e che cioè anche i non-umani reagiscono alla musica come gli uccelli.

Per cercare di dimostrare che i mammiferi potevano rispondere al ritmo, Ronan fu inizialmente allenata con i pesci cercando di farle muovere la testa lungo particolari canzoni, tra cui ‘Boogie Wonderland’ di Earth, Wind and Fire. Tutto questo per far sì che essa non seguisse ciecamente la musica, ma che effettivamente stava reagendo al suo ritmo interno. I ricercatori hanno utilizzato un metronomo che a volte perdeva delle battute. Ma lei non si è fermata durante ‘ascolto dei suoi brani preferiti.

L'articolo prosegue subito dopo


I ricercatori di Santa Cruz sono pronti a sottolineare che, al momento, nessun ritmo visto nei mammiferi si è rivelato essere spontaneo, ma piuttosto qualcosa di imparato. Tuttavia, è sempre emozionante trovare le prove che contrastano le teorie a cui si era precedentemente creduto.

Forse altri mammiferi ne seguiranno l’esempio. E anche se i leoni marini non sembrano avere la capacità di comunicare con il discorso, al momento, i ricercatori ritengono che ulteriori studi potrebbero mostrare che sono capaci di una qualche forma di comunicazione vocale.

Leggi anche

parabola
Guide

Spostare la parabola Sky: come fare

Alcuni consigli utili per orientare la parabola di Sky in maniera corretta. Che possediate una parabola Sky tradizionale, oppure una parabola rettangolare e piatta (magari di quelle decorabili), il problema per voi, non appena acquistata, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*