I fattori che influenzano la vita nelle profondità oceaniche

Guide

I fattori che influenzano la vita nelle profondità oceaniche

Fattori limitanti le zone vitali acquatiche sono:

  • la luce del sole
  • la temperatura dell’acqua
  • l’ ossigeno
  • le sostanze nutritive.

A seconda della quantità di luce che filtra attraverso l’acqua, la temperatura varia così come la quantità di ossigeno;

Ci sono due principali tipi di zone di vita acquatica che supportano la vita nel mare, che comprendono l’acqua salata e le zone della vita di mare.

Zone di vita acquatica sono equivalenti ai biomi che si trovano nell’ acqua di uno stagno, di un lago, di un fiume o nel mare.

Le zone acquatiche sono divise in livelli – basso (zona abissale), media (batiale zona), e livelli superiori (zona eufotica). Ognuno di questi strati avrà diversi livelli di luce solare, per la fotosintesi, temperature diverse, diversi livelli di ossigeno e sostanze nutritive.

La luce del sole:

La luce solare può solo filtrare l’acqua per circa 30 metri (100 piedi) sotto la sua superficie.

Pertanto solo lo strato superiore della zona acquatica sosterrà la fotosintesi. Le alghe, che dipendono dalla fotosintesi, possono sopravvivere solo a questo livello.

Temperatura:

La temperatura dell’acqua scende con l’aumentare della profondità e quindi è più fredda nello strato inferiore. Questo strato è compreso tra i 1500 metri e i 10.000 metri, e non è solo freddo, ma più scuro, senza presenza della luce del sole.

Lo strato intermedio è noto come strato di crepuscolo ed è compreso tra i 200 e i 1500 metri al di sotto della superficie dell’acqua.

Lo strato superiore è lo strato di fotosintesi e va da zero a 200 metri al di sotto della superficie dell’acqua.

Gli organismi acquatici, a causa dell’incapacità dell’acqua di cambiare facilmente temperatura, non si sono evoluti nel resistere a temperature diverse. Pertanto, cambi di temperature di piccole dimensioni possono avere un effetto drastico sulla loro vita.

Ossigeno:

La quantità di ossigeno a profondità oceaniche differenti può variare ampiamente in funzione della temperatura; i produttori che aggiungono ossigeno e i consumatori e decompositori aerobici che rimuovono l’ossigeno.

I produttori sono gli organismi fotosintetici, come le alghe e il plancton. Decompositori aerobici sono di solito i batteri.

I consumatori sono erbivori non fotosintetici che si nutrono di fitoplancton.

Pesci e altri organismi acquatici moriranno senza un adeguato livello di ossigeno, con livelli sotto 3-5 parti per milione (ppm). La mancanza di ossigeno è dovuta alla mancanza di fotosintesi per la poca luce.

Nutrienti:

I nutrienti sono abbondanti in acque poco profonde di fiumi, stagni, ruscelli e in zone costiere. Qui la vita acquatica che sopravvive sulle sostanze nutritive è anche abbondante.

L’oceano aperto è spesso a corto di nutrienti quali nitrati, fosfati e ferro, ma diversi nutrienti provenienti dal fondo del mare, possono venire in superficie.

Tuttavia, ci sono anche nutrienti inquinati che contribuiscono alla morte di alcune creature acquatiche.

Conclusione:

Le profondità oceaniche sono variabili in base alle luce solare, temperatura, ossigeno e sostanze nutritive. Pertanto nei diversi livelli di profondità dell’oceano si supportano diversi tipi di vita acquatica. La conoscenza dei fattori di profondità oceanici sono importanti per gli oceanografi e gli scienziati per il sostegno della vita marina e contribuendo a creare sistemi sostenibili nell’ oceano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*