I mostri della società, uomini che molestano le figlie COMMENTA  

I mostri della società, uomini che molestano le figlie COMMENTA  

I mostri della società, uomini che molestano le figlie
I mostri della società, uomini che molestano le figlie

Esiste una categoria di persone inqualificabile, è quella de i mostri della società, uomini che molestano le figlie.

Questa è la storia di una mamma statunitense che ha fatto conoscere la sua brutta storia a tutto il mondo tramite un video, per avvertire le donne come lei : I mostri si comportano e sembrano persone normali. Sono davvero bravi a nascondere ciò che veramente sono”.

“I mostri cercano di apparire sempre normali”,  è un passaggio della video denuncia di Catherine St. Germain, una mamma del Colorado, che attraverso una serie di cartelli ha deciso di  raccontare al mondo la drammatica esperienza con un uomo che ha sposato ma che poi si è rivelato essere un molestatore ai danni della figlia minorenne che Catherine aveva avuto dal precedente matrimonio. Nel video, che ha raccolto più di 50 milioni di visualizzazioni online, la donna racconta di quanto fosse felice di aver incontrato un uomo apparentemente intelligente e affascinante che aveva già tre figlie, nate da un precedente rapporto, un uomo apprezzato da tutti, Aaron Tyrell Scott.


Dopo le nozze però quell’uomo all’apparenza normale si è rivelato un mostro: un anno dopo il loro matrimonio infatti l’uomo ha molestato la figlia 15enne della donna che viveva con loro quando la madre non c’era.

Dopo aver denunciato il marito Catherine ha ottenuto il divorzio, mentre l’uomo è stato condannato a  90 giorni di carcere. “Non voglio che tutto ciò accada ad altri.

Voglio che le mamme sappiano come interpretare alcuni segnali. Non dobbiamo rimanere in silenzio, condividete questo breve video” ha spiegato la donna , concludendo:  “I mostri si comportano e sembrano persone normali.

L'articolo prosegue subito dopo

Sono davvero bravi a nascondere ciò che veramente sono”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*