I più grandi flop tecnologici della storia COMMENTA  

I più grandi flop tecnologici della storia COMMENTA  

1) l’Apple Newtondel 1993. Una specie di PDA “gigantesco” – almeno per gli standard attuali – con riconoscimento della scrittura che venne stroncato sulle strisce di Doonesbury. Costava 700 dollari e non brillava per usabilità, anche se è rimasto nel cuore di molti.


2) Il lettore DAT portatile. Lanciato nella metà degli anni ’80, da Sony e Philips, avrebbe dovuto conquistare le folle per la sua qualità audio, ma alla fine proprio questa peculiarità si dimostrò una croce.


3) DIVX (Digital Video Express) – niente a che vedere con il noto codec. In pratica si potevano noleggiare i film su dischi DIVX per due giorni e poi restituirli o riciclarli. Il problema è che avevano bisogno di player particolari che ovviamente vendeva solo Circuit City. Fra il 1998 e il 1999 si consumò la debacle: i DIVX persero clamorosamente nei confronti dei DVD.


4) Flooz e Beenz, praticamente sconosciute in Italia, ebbero la brillante idea sempre nei ’90 di inventare la moneta di Internet. Una valuta che non aveva valore corrente, ma che avrebbe dovuto sostituire il denaro nell’e-commerce.

L'articolo prosegue subito dopo


5)  Iridium. La rete satellitare che nel 1998 avrebbe dovuto permettere le chiamate telefoniche in ogni parte del mondo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*