I primi 7 mesi di Virginio Merola

Bologna

I primi 7 mesi di Virginio Merola

Virginio Merola, a sette mesi dall’insediamento della nuova Amministrazione comunale traccia un primo bilancio del mandato, illustrando in sintesi le cose realizzate dalla Giunta nel 2011. “Dal 26 maggio 2011, giorno in cui ho presentato la mia squadra, sono passati sette mesi dedicati a ridare un governo democratico e compiuto alla città di Bologna”, afferma il sindaco prima di affrontare il tema della strategia utilizzata. Parla della scelta di svecchiare la giunta includendo in essa quattro giovani sotto i 35 anni senza trascurare l’elemento femminile, cinque donne, compresa la Vicesindaco. Un messaggio di sobrietà in tempo di crisi, della quale parla a lungo in un’epoca in cui l’imperativo è fare quadrare i bilanci dello Stato e i propri, è stato dato poi con la rinuncia alle auto blu e ai pass di accesso al centro storico. C’è poi il “Progetto bellezza centro storico” con i lavori di riqualificazione delle piazze e dello spazio pubblico, il progetto Tdays durante il quale nei weekend del 17-18 settembre e 3-4 dicembre le vie Rizzoli, Indipendenza e Ugo Bassi hanno vissuto un’apertura straordinaria a pedoni e ciclisti, con totale chiusura al traffico, è stata anche l’occasione per presentare il progetto “di nuovo in centro” che prevede nuove pedonalizzazioni a partire da primavera 2012. Non dimentica la prima edizione de la strada del jazz avvenuta nel corso dei TDays del 17-18 settembre con la posa di una stella dedicata al musicista Chet Baker in via Caprarie, il nuovo regolamento delle piazze del centro storico e l’ordinanza relativa ai locali in via Petroni. Sempre in centro è partito il progetto che prevede l’utilizzo di macchine mangiavetro che rilasciano scontrini sconto e agevolazioni presso esercizi commerciali convenzionati (prima collocazione Piazza Verdi). Conclude con la certezza che “Bologna saprà fare la sua parte scegliendo la strada delle riforme, senza inseguire facili scorciatoie per il consenso di breve periodo”.

Per maggiori informazioni: www.comune.bologna.it

Di Alessandra V. Massagrande

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...