I romani e la passione per gli anelli

Anello antica Roma

I gioielli più amati dai romani furono sicuramente gli anelli, che venivano infilati alle dita della mano sinistra.

Il loro uso si diffuse a tal punto che Plinio, inorridito da questa moda come tanti altri suoi colleghi, scrisse: “Commise un delitto funesto per l’umanità chi per primo si mise oro alle dita!”

In effetti, se è vero che durante il periodo repubblicano l’anello d’oro era riservato a una sparuta minoranza di persone appartenenti al rango senatorio (ambasciatori, nobili e cavalieri soprattutto), il suo uso divenne in seguito tanto comune che il Senato stesso decise di porvi un limite, stabilendo che fosse riservato esclusivamente ai cittadini nati da padre e nonno liberi, oltre che possessori di un certo censo.

Leggi anche: Cosa significa l’anello al pollice


Accadeva però che anche i non nati liberi, per dare l’impressione di esserlo, solessero mettere un vistoso anello d’oro al dito; spesso avevano gusti grossolani e pacchiani, messi in ridicolo dal grande scrittore Petronio, che a proposito di Trimalchione, divenuto nei secoli l’emblema stesso dell’arricchito, scrive: “Al dito mignolo sinistro portava un grande anello placcato d’oro, mentre all’ultima falange del medio un anello più piccolo, d’oro massiccio, tutto intarsiato con pezzetti di ferro saldato a mo’ di stelline”.

Tale uso dei gioielli era, all’epoca, garanzia di appartenenza ad un basso rango sociale, in tal caso quello dei liberti arricchiti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*