I siti porno? Causano eiaculazione precoce e calo del desiderio COMMENTA  

I siti porno? Causano eiaculazione precoce e calo del desiderio COMMENTA  

La Società italiana di andrologia e medicina della sessualità (Siams) lancia un allarme: rischio di soffrire di eiaculazione precoce e calo del desiderio.

La causa? I siti porno.

Secondo i dati presentati dalla Siams, nella fascia di età tra i 14 e i 16 anni un giovane su quattro trascorre troppo tempo collegato ai siti porno.

Leggi anche: Bondage estremo: esempi e consigli

Un eccesso che può causare (ed esprimere) dipendenza dal sesso e pornodipendenza. In 10 anni il numero di persone che naviga abitualmente siti porno è salito da 5 a ben 8 milioni (di cui il 10% è minorenne).

Come spiega lo psicoterapeuta Stefano Bovero, a dipendenza da sesso è un fenomeno noto e differisce dalla pornodipendenza che “appare come una particolare estensione autoerotica dello stesso aspetto compulsivo”.

La pratica dell’autoerotismo viene esasperata dalla pornografia che, precisa Bovero, favorisce il calo del piacere e del desiderio erotico verso un autentico oggetto d’amore.

Leggi anche: Frasi sul desiderio

E l’eiaculazione precoce segue la stessa logica, modificando la chimica cerebrale e risolvendo in retta l’incapacità relazionale del soggetto.

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*