I taxi bloccano Torino COMMENTA  

I taxi bloccano Torino COMMENTA  

Nonostante l’assemblea di ieri continua il blocco dei taxi nella capitale piemontese. La protesta estesa a tutta l’Italia è quella contro la liberalizzazione del servizio indetta dal Governo e che probabilmente sarà varata la settimana prossima.

Leggi anche: Usa 2016: la squadra di Donald Trump


E’ ovvio che in un momento di crisi economica le liberalizzazioni siano un punto assoluto su cui incanalare ogni sforzo, ma a patto che si cominci con quelle che davvero gravano sull’economia del Paese.

Leggi anche: Pensioni, raggiunto il primo accordo fra governo e sindacati


Si dovrebbe iniziare con le compagnie assicurative e con la liberalizzazione del sistema bancario.

Ultimamente tutta l’informazione nazionale sta evidenziando soltanto le proteste dei tassisti.

Non è che per caso ci vogliono far dimenticare che fino a qualche settimana fa la priorità era quella di tagliare i costi della politica?

Inutile continuare a togliere i denti ai poveri, le liberalizzazioni servono per sbloccare l’economia, ma devo essere più che serie e si deve procedere per gradi.

Leggi anche

martello
Torino

Tragedia a Torino: uccide la moglie con un martello prima di impiccarsi

Un uomo di 69 anni ha ucciso la moglie 72enne con un martello, poi si è suicidato. All'origine del gesto, un debito contratto all'insaputa della famiglia. Un cruento omicidio-suicidio scaturito da un dramma della povertà: è quanto avvenuto, con ogni probabilità nella notte tra il 20 e il 21 ottobre, a Torino, nel quartiere Santa Rita. Le vittime sono Natalina Montanaro, 72 anni, e Francesco Tonda, 69, che vivevano da soli in un appartamento in Corso Orbassano 376: a scoprire i cadaveri, nelle prime ore della mattinata, il figlio della coppia, allarmato da alcuni SMS inviatigli dal padre. È stato Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*