I Wildesire, plauso e merito a questa nuova Cover band palermitana COMMENTA  

I Wildesire, plauso e merito a questa nuova Cover band palermitana COMMENTA  

Una nuova Cover band, i Wildesire si affacciano nel palinsesto degli eventi Palermitani. Animati dalla passione per la musica si sono costituiti come gruppo soltanto un anno fa. Con molto impegno sono riusciti a creare una band dove ogni elemento è parte integrante ed indispensabile del gruppo riuscendo così a produrre una perfetta sintonia musicale.

Foto di Ale Sposito

Nel concerto che si è tenuto ieri, 14 aprile al Monteleone discopud, sono riusciti ad emozionare il numeroso pubblico presente con una tale maestranza da lasciare senza fiato. Si sono esibiti in pezzi storici della musica internazionale del calibro di  Gary Moore , Rainbow, Queen, Led Zeppelin, solo per citarne alcuni.


La voce e l’armonica è Fabio Marcianò,  interprete capace e attento che ha saputo destreggiarsi nel pretenzioso compito di rendere omaggio ai grandi artisti da loro scelti. Il basso e la batteria, affidati rispettivamente a Luciano Campione e Gabriele Sancarlo hanno saputo far vibrare i corpi del numeroso pubblico presente. In fine l’eccezionale chitarrista, Alessandro Petix, ha mostrato non solo la competenza musicale, ma il fuoco della passione espresso in ogni nota, accordo, suono che raggiungeva ipnotizzando chi lo ascoltava.


I Wildesire meritano davvero il plauso di non essere scaduti nell’emulazione semplice e spesso mal prodotta, ma di di aver trasmesso la musica da loro scelta attraverso il loro modo unico e personale di esprimersi.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*