Ibra recidivo: altra squalifica in vista. Il video COMMENTA  

Ibra recidivo: altra squalifica in vista. Il video COMMENTA  

Il rischio di una squalifica-bis è concreto, e di certo basterebbe per fissare un curioso record, quello di un giocatore fermato due volte in tre giorni per due competizioni diverse. Peccato che a stabilire un tale poco invidiabile primato sia un campione come Zlatan Ibrahimovic, il cui nervosismo è ormai conclamato. Appena il Milan inizia a stentare, il suo leader tecnico invece di trascinare i compagni li abbandona lasciandosi andare a schiaffi o buffetti che dir si voglia, ma più che sufficienti per una squalifica. Le immagini della rissa al termine di Milan-Juve di Coppa sembrano inequivocabili con Zlatan a rifilare uno schiaffetto a Storari, molto simile a quello dato ad Aronica domenica pomeriggio.

Leggi anche: Zidane in finale di Champions: contento di tornare in Italia


Misterioso il motivo del contendere: sembrerebbe trattarsi di un calcio d’angolo non assegnato ai rossoneri ma evidentemente si tratta di un pretesto ed il portiere ha smentito. Quasi scontata a questo punto una nuova squalifica che senz’altro farà meno male (l’avventura in Coppa è ormai compromessa) ma che aumenta la tensione interna all’ambiente in un momento difficilissimo. Da verificare anche l’alterco Chiellini-Tassotti nel tunnel: il bianconero, che negli spogliatoi non ha usato parole tenere per il “nemico” Ibra (“Storari non ha un occhio nero ma il gesto rimane e chi sbaglia deve pagare”) difendeva il suo portiere, il vice di Allegri faceva logicamente il contrario in un contesto iperteso dopo i soli due minuti di recupero concessi, sui quali ha ironizzato anche Galliani. Liti da quartiere che danno poco lustro a tutti.

Leggi anche: Verso Bayern Monaco-Juventus: le probabili formazioni


[youtube http://www.youtube.com/watch?v=CMO1zE1DdQo&w=560&h=315]

Leggi anche

Il presidente del Coni Giovanni Malagò
Sport

Calcio. Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln

Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln   Ammonta a 4,5 milioni di euro il taglio che il CONI ha deciso per contributi annuali alla Figc. Da 37,5 mln, si passa a 33 per l'anno 2017. E' quanto si é appreso al termine della riunione sui contributi che il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha tenuto oggi con i presidenti federali. Su 44 federazioni coinvolte, l'unica a presentare segno meno è proprio la Figc. Per altre 13 contributi invariati, mentre 30 ottengono un aumento. Tra queste, le più premiate sono quelle che hanno portato maggiori risultati a livello olimpico: nuoto, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*