Ictus: sintomi a cui le donne dovrebbero prestare attenzione

Salute

Ictus: sintomi a cui le donne dovrebbero prestare attenzione

Ictus: sintomi a cui le donne dovrebbero prestare attenzione
Ictus: sintomi a cui le donne dovrebbero prestare attenzione

Ecco 8 sintomi tipici che possono segnalare l'insorgere di un ictus. Sintomi a cui bisogna prestare molta attenzione, al fine di arginarne le conseguenze.

Un ictus è una sorta di disordine circolatorio che ha luogo nel cervello e che porta le cellule dell’area interessata a non ottenere più sufficiente ossigeno causandone, perciò, la morte. Le conseguenze possono condurre a effetti a lungo termine, come la paralisi. Ogni anno, in Italia, si verificano circa 200 mila casi. Il 75% dei soggetti colpiti hanno più di 65 anni. Ma anche i giovani possono esserne vittima. Le donne, però, ne soffrono più degli uomini. E dal momento in cui le conseguenze sono, spesso, fatali, una diagnosi precoce più rivelarsi davvero essenziale.

Tra i vari sintomi dell’ictus, ci sono alcuni indicatori che sono veri e propri campanelli d’allarme. Da un lato, ci sono sintomi che valgono per entrambi i sessi, come svenimenti, problemi nel parlare o a ricordare, addormentamento, vista offuscata e paralisi di una parte del corpo. Dall’altro lato, invece, si possono registrare sintomi specifici che si verificano soltanto nelle donne. Sintomi che, a volte, non vengono riconosciuti come tali. Eccoli:

  • singhiozzo
  • svenimento o senso di svenimento
  • dolore
  • fiato corto
  • allucinazioni
  • nausea
  • convulsioni
  • cambio della personalità

Più in generale, l’ictus si può riconoscere da una debolezza improvvisa, da una paralisi o da un disturbo della sensibilità che vanno a colpire solitamente un lato del corpo (viso, braccio o gamba). Ma anche dalla perdita della parola, dalla difficoltà nella pronuncia o a comprendere. Altri sintomi, inoltre, possono essere cecità, sdoppiamento delle immagini, vertigini, incapacità di deambulazione, forte mal di testa.

Ovviamente, tutti i fattori di rischio quali fumo e obesità, ad esempio, valgono sia per gli uomini che per le donne. Inoltre, per chi, tra queste, assume contraccettivi a base ormonale, si trova nell’ultimo trimestre di gravidanza o ha appena partorito, i rischi di infarto sono molto più alti. Perciò, nel caso in cui vi sembra di percepire i sintomi elencati in voi oppure in chi vi sta accanto, chiamate immediatamente i soccorsi. Se avete il sospetto che qualcuno abbia appena avuto un ictus, ricordatevi di fare il FAST-Test.

Come fare il FAST-Test

F come Face = Viso
Chiedete alla persona di sorridere o di mostrare semplicemente i denti. Notate se la bocca è storta, se gli angoli della bocca pendono verso il basso o un lato.

A come Arm = Braccio
Chiedete alla persona di allungare le due braccia in avanti orizzontalmente, sollevarle e rivolgere i pollici verso l’alto. Notate se non ci riesce, se un arto non si muove o uno cade.

S come Speech = Linguaggio
Chiedete alla persona di pronunciare una frase semplice, ma di senso compiuto. Notate se strascica le parole, usa parole improprie o è incapace di parlare.

T come Time = Tempo
Se è presente uno o più di questi sintomi, chiamate immediatamente il Pronto intervento. La maggior parte delle persone che subiscono un ictus non muore immediatamente. Le prime 3 ore successive all’attacco possono essere cruciali, se si riesce a intervenire con tempismo. Imparare a riconoscere i sintomi di un ictus, perciò, può risultare davvero fondamentale per intervenire precocemente, limitarne conseguenze e scongiurare coma e morte.

Che cos’è l’ictus e come si presenta?

L’Ictus può essere di tipo emorragico o di tipo ischemico.

L’ictus ischemico ha origine quando, all’interno di una delle arterie cerebrali, si forma un coagulo di sangue che va a restringere il vaso sanguigno. Si tratta di un processo che può del tutto interrompere la fornitura nutritiva nell’area cerebrale.

L’ictus emorragico, invece, si verifica meno spesso ma è la più grave e potenzialmente fatale. Si genera quando un’arteria cerebrale si rompe. Il sangue, perciò, si espande nell’encefalo uccidendo i neuroni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

unghie
Salute

Come ammorbidire le unghie spesse dei piedi prima di tagliarle

23 maggio 2017 di Redazione Notizie.it

Le unghie dei piedi vanno tagliate regolarmente. Si tratta di un’operazione semplice che, però, in presenza di unghie spesse, necessita di una maggiore attenzione. Ecco una breve descrizione di come ammorbidire le unghie, non incorrere in tagli dolorosi o, peggio, nelle unghie incarnite. Un’occasione per rilassarsi e prendersi cura di se stesse.

Loading...