Idee marketing per boutique dell’usato COMMENTA  

Idee marketing per boutique dell’usato COMMENTA  


Una boutique è un negozio che vende merce indirizzata a un mercato specifico. Tende a promettere una qualità maggiore e una selezione di capi più unico rispetto agli altri negozi. Una boutique di usato può avere abbigliamento vintage, di alta moda o una collezione di abbigliamento eclettico di seconda mano. Il tipo di prodotto offerto e la posizione geografica determinerà le opzioni di marketing.

Leggi anche: Anche il lusso sbarca online grazie a Chrono24


Newsletter

Sviluppate una newsletter mensile per i clienti. Evidenziate l’unicità della merce disponibile nella boutique di usato. Usate modelli ai quali far indossare i capi di abbigliamento e ai quali scattare le foto che poi inserirete nella newsletter, in modo da dare ai potenziali clienti un’idea ben precisa dei prodotto. Considerate la possibilità di assumere uno scrittore freelance, per creare dei brevi articoli di moda che i clienti troveranno interessanti da leggere. Inviate la newsletter ai clienti per posta o fate in modo che sia a disposizione in negozio.

Leggi anche: MUU Grill shopping gourmet di qualità ora a Legnano


Marketing via email

Il marketing via email è il più efficace, quando viene indirizzato ai clienti che vi si registrano in negozio. L’email è un sistema gratuito per trasmettere informazioni. Può includere saldi, promozioni, oltre a consigli e idee di moda. Questo è anche un modo grandioso per indurre le persone a visitare il vostro sito web.


Social Media

Gli outlet tramite social network come Facebook e Twitter forniscono un’ulteriore piattaforma con la quale le attività possono tenersi in contatto con i loro clienti. Possono anche aiutare ad attirare clienti interessati a risparmiare. Come il marketing tramite newsletter o email, usate i social media per pubblicizzare saldi ed eventi speciali e per fornire informazioni rilevanti attraversi brevi articoli.

L'articolo prosegue subito dopo


Shama Kabani, autore di “The Zen of Social Media Marketing,” avverte che il marketing tramite social network è diverso da quello tradizionale e dovrebbe essere gestito con ulteriore attenzione. Per esempio, gli errori di amrketing sui social media possono diventare virali. Questo può portare a un danno più veloce e ampio per il marchio rispetto a un messaggio promozionale diffuso attraverso i media tradizionali, con un mercato molto più piccolo. I social media prevedono anche l’uso di un project team che approvi i post delle aziende.

Industria dell’intrattenimento

Per le boutique di usato che si trovano in aree di mercato urbane, come Los Angeles, New York o comunque grandi metropoli, puntare sull’industria dell’intrattenimento per promuovere i propri prodotti, potrebbe essere un’opzione. Questo vale soprattutto per i negozi il cui inventario prevede abbigliamento vintage e accessori che possono servire come costumi e materiale scenico. Per attirare l’attenzione del compratore, pubblicate annunci che possano raggiungere i produttori.

Sfilate di stilisti

L’aumento dei reality televisivi focalizzati sulla moda, ha aiutato i consumatori a capire quanto sia importante curare il proprio guardaroba. Aggiungete valore alla conoscenza della moda dei vostri clienti, organizzando delle vere e proprie sfilate nella boutique, curate da famosi stilisti. Le sfilare possono offrire consigli e dare il via a sessioni di domande e risposte. Questi eventi possono dare lustro alla vostra boutique e possono tradursi in incremento della fedeltà dei clienti e delle vendite.

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*