IGusto, applicazione gratuita ed ufficiale della Provincia di Roma che illustra le tipicità enogastronomiche COMMENTA  

IGusto, applicazione gratuita ed ufficiale della Provincia di Roma che illustra le tipicità enogastronomiche COMMENTA  

iGusto è l’app ufficiale della Provincia di Roma che ha l’intento di raccontare ed illustrare l’offerta enogastronomia, culturale, turistica e la produzione agroalimentare dei luoghi più caratteristici, e talvolta meno noti, del territorio provinciale.


iGusto, scaricabile gratuitamente dallo store, oltre che per l’idea ed i contenuti merita di essere segnalata anche per la cura dell’interfaccia grafica, piacevole, accogliente e agevole da usare, insomma pienamente conforme allo “stile” delle applicazioni per iOS.


iGusto è strutturata come fosse un’agenda giornaliera che, giorno dopo giorno, accompagna l’utente in un particolare e variegato viaggio fatto di prodotti tipici, ricette tradizionali, spezie, ingredienti, sapori, odori e colori che costituiscono il grande patrimonio enogastronomico dei territori della provincia di Roma.


Oltre ad una vastissima gamma di ricette associate ai prodotti tipici di una specifica area, l’applicazione offre anche numerosi spunti per le “gite fuoriporta”, evidenziando curiosi itinerari del gusto o eventi e sagre da non perdere. Tante idee, insomma, per trascorrere il tempo libero all’insegna della storia e dei sapori dei prodotti tipici della cucina di Roma e provincia.

L'articolo prosegue subito dopo


In iGusto è possibile trovare ogni giorno: un calendario di facile e veloce consultazione; la descrizione di un prodotto tipico di Roma e provincia, comprendente la sua storia, gli usi, le curiosità e le sue caratteristiche; una ricetta connessa al prodotto tipico, comprensiva di ingredienti, dosi e modalità di preparazione, con la possibilità di salvarla in un ricettario, e non finisce qui. Sono, infatti, presenti anche gli appuntamenti della settimana, eventi e sagre da non perdere, con relativa descrizione e possibilità di vedere immediatamente la loro posizione ed il modo più veloce per raggiungerli. Infine è possibile condividere gli appuntamenti tramite email, Twitter e Facebook.

Prima di concludere precisiamo che si tratta di una versione “Lite” che mette gratuitamente a disposizione degli utenti le sole ricette dei mesi di Gennaio e Febbraio.

Leggi anche

Tecnologia

Firma digitale: quante se ne possono avere

Nel nostro sistema giurisprudenziale, la firma digitale viene definita per la prima volta nel DPR 10 novembre 1997 n. 513 che disciplina la” formazione , l’archiviazione e la trasmissione di documenti con strumenti informatici e telematici”. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*