Il 10 aprile, nuovo album di Marco Carta, Necessità lunatica COMMENTA  

Il 10 aprile, nuovo album di Marco Carta, Necessità lunatica COMMENTA  


Il 10 aprile viene pubblicato il suo nuovo album di inediti “Necessità lunatica”

incontra i fan il 10 aprile a Roma e il 16 aprile a Milano

Anticipato in radio dal singolo “Mi hai guardato per caso”, che è entrato direttamente ai vertici delle classifiche di vendita digitali, martedì 10 aprile viene pubblicato “Necessità Lunatica” (Atlantic/ Warner Music), il quarto album di Marco Carta (in pre –order su iTunes: http://itunes.apple.com/it/preorder/necessita-lunatica-deluxe/id515131435).
“Necessità Lunatica” è un disco di 12 canzoni composte per la maggior parte dal duo di autori Camba e Coro che hanno arrangiato e prodotto metà dei brani, mentre l’altra metà è opera di Dado Parisini .
Management e produzione esecutiva sono di Alfredo Cerruti.


Questa la track- list di “Necessità Lunatica” : Scusami Amore; Fammi Entrare; Mi Hai Guardato Per Caso; Necessità Lunatica; Ti Voglio Bene; Chiudi Gli Occhi; Parlami ; Scelgo Me; Solo Un Ricordo Ma Immenso; Ti Sorriderò; Ritorni Mia; Due Mondi Opposti.


Marco presenterà il suo nuovo album e incontrerà i fan martedì 10 aprile a Roma alla Libreria Mondadori (h. 16.00 – Piazza Cola di Rienzo 81/83); lunedì 16 aprile a Milano alla Mondadori Multicenter (h.18.00 – Corso Vittorio Emanuele). L’entrata sarà gestita con dei pass. Altri appuntamenti sono in via di definizione.


Marco torna sulle scene musicali a due anni dal suo precedente lavoro discografico e lo fa da protagonista. Lo scorso 31 marzo, infatti, ha vinto nella categoria “miglior cantante italiano” i Kids’ Choice Awards 2012, il grande appuntamento di Nickelodeon che quest’anno festeggia la 25esima edizione e che è stato presentato da Will Smith a Los Angeles .
Quest’ultimo riconoscimento si aggiunge ai successi che hanno visto Carta protagonista in questi anni. Dopo la vittoria ad Amici (2008) e dopo la vittoria al Festival di Sanremo (2009) ha ricevuto due premi ai TRL Awards a Trieste (Man Of The Year e Best #1 Of The Year), tre premi agli Wind Musici Awards (uno per il disco di platino di “Ti rincontrerò”, uno per il disco di platino di “La Forza Mia”, e il terzo come artista più votato da RTL 102.5); a luglio a Venezia ha ritirato il premio speciale Venice Music Awards come artista maschile dell’anno. A gennaio 2010 Marco Carta ha trionfato con “la Forza Mia e” e Dentro ad ogni brivido” nella classifica dei migliori video del 2009 selezionati da Mtv Hits e votati dagli utenti di SKY.it. Nel 2011 il cantante vince i TRL Awards 2011 nella categoria Best Talent Show Artist e ritira i “Wind Music Awards” a Verona per le vendite di “Il cuore muove”.

L'articolo prosegue subito dopo

Pagina facebook: www.facebook.com/marcocartaofficialpage
Profilo Twitter: http://twitter.com/@marcocarta85
Canale youtube: www.youtube.com/marcocarta
Pagina iTunes: www.itunes.it/marcocarta
Tutti gli aggiornamenti in tempo reale sulla pagina Facebook di WARNER MUSIC ITALY (http://www.facebook.com/WARNERMUSICITALY)
MARCO CARTA
“Necessità lunatica”

A due anni da “Il cuore muove”, terzo capitolo di una discografia iniziata con “Ti rincontrerò” del 2008 (anno del successo ad “Amici”) e proseguita con “La forza mia” del 2009 (anno del trionfo a Sanremo con la canzone omonima), Marco Carta torna protagonista delle classifiche (e dal 31 marzo anche della sfida fra i veterani di “Amici”) con il quarto album “Necessità lunatica”, che sarà pubblicato il 10 aprile da Warner Music.

Nella sua prima lunga pausa di riflessione Marco ha maturato nuove consapevolezze artistiche e umane. «Sono vorace delle emozioni che la vita mi regala quotidianamente. Il titolo “Necessità lunatica” esprime la mia esigenza di avere sempre nuovi stimoli e traguardi da raggiungere, come cantante e come uomo. Fortunatamente ho una vita ricca di amicizie e viaggi che allargano continuamente il mio orizzonte».

Nell’album “Necessità lunatica” l’emozione più intesa è indubbiamente il brano “Ti voglio bene” dedicato alla madre di Marco. «È morta a 26 anni, la mia stessa età oggi. È la prima canzone che le dedico, perché ho impiegato molto tempo a metabolizzare la sua assenza così improvvisa e prematura. Durante la registrazione mi sono bloccato spesso, travolto da tante emozioni, ma sono felice di aver fatto questo tuffo al cuore con triplo avvitamento carpiato. L’arrangiamento è un pop-rock con archi e pianoforte che crea un’atmosfera di struggente energia per dare vigore all’amore per mia madre e alla rabbia contro il Fato che l’ha strappata dalla mia vita».

Il primo singolo “Mi hai guardato per caso” (firmato dal duo autorale Camba-Coro come la maggior parte delle 12 canzoni, metà prodotte e arrangiate da Dado Parisini e l’altra metà dagli stessi Camba-Coro) è una ballad pop dagli accenti romantici, nella quale «l’interprete ha la tentazione di nascondere i propri sentimenti per non farsi male, però mette coraggiosamente a nudo la sua anima per non restare indifferente agli occhi della donna che ama e del mondo».

L’amore è il tema dominante dell’album “Necessità lunatica”. «È un disco molto autobiografico, perché figlio di un continuo confronto con i miei autori. Io non sono bravo a immedesimarmi nelle vite degli altri, così canto le emozioni e le esperienze che ho vissuto sulla mia pelle».

Filtrate dal timbro vocale che si fatto più scuro («Riesco ad arrivare più in alto e sento di essere più comunicativo, anche grazie al mio vissuto personale») prendono forma la ballad orchestrale “Scusami amore” e quella più pop-rock “Fammi entrare”; il pop-rock tormentato e orchestrale della titletrack “Necessità lunatica” e la classica ballad pop “Chiudi gli occhi”. L’impronta rock elettronica di “Parlami” è la frontiera verso territori sonori più ritmati: dal pop-rock di “Scelgo me” alle sonorità calde e gioiose della spensierata “Solo un ricordo ma immenso” e l’impronta hawaiana di “Ti sorriderò”; fino al pop retrò di “Ritorni mia” e la sorprendente “Due mondi opposti” con echi Anni 60 che per l’interprete cagliaritano sono una novità.

L’album “Necessità lunatica” chiude un primo cerchio del percorso artistico di Marco Carta, che è partito da “Amici” e al talent show di Maria De Filippi tornerà con le nuove canzoni. «Non nego che mi piacerebbe vincere anche questa volta, ma la cosa fondamentale è uscire a testa alta, lasciando a tutti un’ottima impressione. Voglio portare “Necessità lunatica” più in alto che posso, perché sono convinto che sia un disco che merita attenzione».

Le canzoni di “Necessità lunatica” con il commento di Marco Carta

SCUSAMI AMORE
“Scusami amore se cadon le stelle
Scusami sempre se son le più belle
Metti la voce al silenzio del cielo
Tienimi a terra se volo davvero
Scusami amore se sposto i pianeti
E se alla luna racconto i segreti
Scusami sempre ma fallo col cuore
Scusami prima di fare l’amore”
Un inno al perdono. Alla riconciliazione. È il tentativo di far comprendere a una donna che si può condividere la vita, affrontando insieme ansie e timori che per natura ci assalgono. Cito grandezze astronomiche per esortarla a non avere paura di ritornare.

FAMMI ENTRARE
“Come se non fossi tuo
Quanto fa male questa malinconia
Che non mi lascia più vivere, amore ho perso il senso
Dammi tu la direzione che mi sento
Come se non fossi tuo
Quanto consuma questa lenta agonia
Io non riesco a decidere, amore senza senso
Resto ad una condizione, stare dentro di te
Fammi entrare!”
Un rapporto in cui non ci si riconosce più. Si resta insieme quasi per inerzia, perché manca l’entusiasmo iniziale. Al testo che descrive un amore incrinato, però, fa da contraltare l’energia della chitarra rock, che alimenta la speranza di uno sviluppo positivo. Anche la voce parte triste, poi scatena la rabbia per il desiderio di ricominciare.

MI HAI GUARDATO PER CASO
“Sai mi sono innamorato di te
Da quando mi hai guardato per caso
Quell’aria un po’ sicura di te
Di chi non ha paura di niente
Invece io ho paura
Di rimanere appeso tra la gente
Voglio urlare e conquistare la mia vita da sognare
Fino a quando non sarò più trasparente”
A volte cerchiamo di nascondere i nostri sentimenti per non farci male… per non rimanere in contrasto con l’amore… per la difficoltà di esprimere il nostro amore. Ma l’amore è più forte delle nostre paure e dichiararlo viene naturale, anche se non è facile descrivere un colpo di fulmine. E nei versi “quell’aria un po’ sicura di te/di chi non ha paura di niente/e invece io paura ne ho” c’è tutto il coraggio di chi mette a nudo la propria anima pur di non restare trasparente agli occhi di lei e del mondo.

NECESSITÀ LUNATICA
“Sei la canzone che non so cantare
Quella ferita che non so guarire
La cioccolata che mi fa godere
O forse l’uva a cui non so arrivare
Sei l’abitudine che non voglio avere
Visto il dolore che mi fai provare
Delle mie vite tu sei la peggiore
Proprio per questo sei fondamentale… necessità lunatica”
Un incontro casuale con la persona sbagliata. È la classica donna che ti rovina la vita, perché ti fa innamorare follemente e ti rende suo schiavo. Dietro il primo bellissimo bacio si cela una mangiatrice di uomini: la burattinaia che muove i tuoi fili.

TI VOGLIO BENE
“Ti sento la notte mentre sto per dormire
E mi lavo la faccia come mi hai insegnato a fare
E prendo le cose solo di testa mia
Anche se cado continuo, anche se manchi continuo
Dai tuoi occhi ho imparato una cosa speciale
Che ad esser se stessi non c’è niente di male
E ti porto nel cuore, nella pelle e nel mondo
Anche se sono arrabbiato
Perché mi hai abbandonato
Ti voglio bene, ti voglio bene”
Un tuffo al cuore con triplo avvitamento carpiato. È la prima canzone che ricorda mia mamma: ogni gesto e insegnamento che mi ha lasciato. Questo brano è la storia della mia vita: c’è il mio carattere testardo, c’è la mia rabbia contro il destino che me l’ha portata via. C’è la sensazione di aver saltato una tappa nel giro della vita: essermi trovato improvvisamente adulto con qualcosa di fondamentale in meno… lei! È una canzone viva di energia, rabbia e tanto amore, che fa capire quanto mia mamma sia dentro me.

CHIUDI GLI OCCHI
“Tu chiudi gli occhi e cercami
Ricordati di quello che eravamo noi
Lasciati volare via
Portami con te dovunque andrai
E piangerò se piangerai
Dammi amore senza dirlo mai”
Una storia d’amore finita… forse. Si ricorda quello che è passato nella speranza di farlo tornare: la gioia dei momenti magici vissuti insieme e il dolore per averli perduti. Il testo è un ripetuto tentativo di farla tornare sui suoi passi e ridare vigore alla relazione.

PARLAMI
“Parlami amore fallo per ore
Stingimi come
Con le parole
Non puoi
Le mie mani
Come un vestito
E vedrai…
Da domani
Ti tolgo il fiato!”
Una coppia di teenager alle prese con la primissime malizie di un rapporto a due. Un testo infarcito di doppi sensi per raccontare le nuove esperienze che si vivono in quella che una volta si chiamava “cotta”, dove si crea una sorta di piacevole dipendenza fra i due.

SCELGO ME
“Non guardarmi così, che mi fai intimidire
Che non riesco nemmeno a parlare
Sono fatto a misura per avere paura
Ma se voglio ti posso mangiare
Ti ho concesso anche troppo
Esco ma torno presto
Però stavolta ti prego vai via…vai via”
Quando ci si è amati troppo, fino a consumarsi, bisogna ammetterlo e dire basta. Quando troppo si è dato, troppo si toglie. È un amore logorato dal tempo e dalla monotonia, fino al punto non c’è più nulla da dire e da prendere. Resta solo “un mare di cenere che io mi lascio alle spalle”. Eppure… I versi “ma se voglio ti posso mangiare…esco ma torno presto” potrebbero rappresentare un’evoluzione positiva. Una speranza minima, ma che spinge a lottare ancora. È complicato trovare l’accordo perfetto, ma chissà…

SOLO UN RICORDO MA IMMENSO
“Voglio riniziare completamente
Riscrivere la mia pagina continuamente
Potermi innamorare definitivamente
Finché tutto avrà preso il suo senso
Finché tu non sarai…solo un ricordo ma immenso”
Un inno alla primavera dell’uomo. Un brano spensierato sulla voglia di rinascere. Riappropriarsi della propria vita e dedicarsi maggiormente a se stessi. C’è anche il ricordo sereno di una persona che non cammina più al nostro fianco.

TI SORRIDERÒ
“Ti sorriderò, ti sorriderò, ti sorriderò
E tutto cambierà
Ti sorriderò, ti sorprenderò, ti solleverò
Da ogni tua fragilità
E costruirò una casa solo per te
Ti vestirò da sposa solo per me
Però comunque vada…sarà tutta una sorpresa”
Amore allo stato puro. Si è avverato il sogno di trascorrere la vita al fianco della persona amata e lui promette solennemente di ricoprirla d’amore e di attenzioni per il resto dei loro giorni insieme. È il classico “e vissero tutti felici e contenti”.

RITORNI MIA
“Portami ancora lontano, e prendimi per mano
Riconquistarti in un prato, e ridere con te di tutto quanto
Mentre la vita ci scorre via, tu ritorni, ritorni mia
Che grande errore sarebbe perdersi”
Il protagonista è un uomo che vorrebbe chiedere scusa, ma è troppo orgoglioso per farlo, così si giustifica asserendo che sbagliare è nella natura umana. Ha un atteggiamento un po’ bullesco: si affida al Fato, sicuro che lei tornerà sua per la forza dell’amore.

DUE MONDI OPPOSTI
“Se non ti ho avuta mai è perché ho perso un anno intero
A risolvere tutti i miei guai
Se non ti ho avuta mai è grazie alla tua amica stronza che ride ogni volta di me
Agosto è sabbia sulla tua gonna bianca ed io non ci sarò
Detesto il mare le spiagge nel sole lo so siamo diversi
Io no non posso averti mai”
Non ho mai cantato una canzone simile: ricorda le ballate degli Anni 60. Ironizza su un ragazzo sfigatissimo, bruttarello e sfortunato, che naturalmente si innamora della ragazza più bella. E per un anno passa guai incredibili, finché finalmente realizza che è meglio girare alla larga da lei.

MARCO CARTA
biografia
È venuto al mondo a Cagliari nel 1985. Erano le 14.45 di un caldo 21 maggio, il primo giorno dei Gemelli. I nati sotto questo segno zodiacale si distinguono per l’intelligenza brillante. In più sono estremamente curiosi, eclettici, ironici e intuitivi. Marco Carta possiede tutte queste caratteristiche tipiche dei nati nei Gemelli; ma il suo percorso umano e artistico dimostra che il trionfatore di “Amici” è dotato anche di grande forza d’animo e fiera determinazione nel raggiungere gli obiettivi. Alla festa del sesto compleanno spegne le candeline promettendo a se stesso: «da grande farò il cantante». Da quel giorno dedica ogni energia alla realizzazione del sogno. Fin da bambino Marco canta con passione e insospettabile facilità le canzoni del suo idolo assoluto Lucio Battisti, che era anche l’artista prediletto della madre. I primi brani che interpreta con maggiore consapevolezza vocale sono “La solitudine” di Laura Pausini e “Albachiara” di Vasco Rossi.
La musica diventa la sua ragione di vita, e una preziosa valvola di sfogo, dopo la perdita dei genitori: il padre scompare quando ha 8 anni; la mamma quando ne ha 10. Marco cresce assieme al fratello con i nonni materni; coltivando con ambizione ancora maggiore il suo sogno. Il primo concerto visto è quello dei Lunapop. I primi dischi comprati sono “Ultimamente” di Alex Baroni e “Le cose che vivi”di Laura Pausini. Contemporaneamente affina il proprio talento vocale attraverso le prime esibizioni come solista in live-pub e cerimonie private, conquistando alcuni premi e critiche lusinghiere.
Dopo l’Istituto Professionale per Elettrotecnici, Marco lavora come parrucchiere nel salone della zia: i guadagni vengono investiti in biglietti d’aereo per volare a Roma a fare provini. Sono anni di illusioni e altrettante disillusioni, che però non intaccano la sua fiducia nelle proprie doti artistiche, tantomeno la determinazione nell’inseguire la grande occasione.
Il 20 ottobre 2007 finalmente Marco Carta viene ammesso nel cast di “Amici”. Il sogno si è avverato. Quasi… Infatti sono sei mesi molto duri fra incertezze, crisi esistenziali, dubbi, paure e difficoltà. Marco supera ogni ostacolo dimostrando che il suo talento artistico è supportato da notevole forza e sensibilità sul piano umano. Alla fine è un trionfo! Il 16 aprile 2008 Marco Carta vince la finale di “Amici” con il 75% delle preferenze.
Il plebiscito ottenuto ad “Amici” viene confermato con l’album d’esordio “Ti rincontrerò” (Warner Music), che conquista il disco di platino. Uscito il 13 giugno 2008, il disco “Ti rincontrerò” contiene 4 inediti: il singolo omonimo dedicato alla madre; il secondo singolo “Un grande libro nuovo”; “Anima di nuvola” e “Per sempre”. La tracklist è completata da cover che testimoniano la sua versatilità interpretativa: “A chi” (Fausto Leali), “Ti pretendo” (Raf), “E tu” (Claudio Baglioni), “La donna cannone” (Francesco De Gregori) e “Vita” (Lucio Dalla & Gianni Morandi) cantata in duetto con Luca Jurman. Nella versione deluxe del cd “Ti rincontrerò” in vendita su iTunes c’è anche una rilettura di “Mi ritorni in mente” di Lucio Battisti.
Marco Carta si aggiudica il premio internazionale What’s Up come miglior artista dell’anno e viene invitato come ospite d’onore ai Wind Music Awards. Il video del singolo “Ti rincontrerò” ottiene il “Pensionamento” nella trasmissione TRL di Mtv: si tratta di un riconoscimento che viene assegnato ai filmati che rimangono oltre 40 settimane fra le prime tre posizioni della classifica dei video più visti. E quello di Carta staziona a lungo al numero uno.
Il cantante sardo è abituato a primeggiare: già a scuola era il capitano della squadra di volley. Ha praticato anche il TaeKwonDo e gioca a calcio. Tifoso del Cagliari e simpatizzante della Roma, ha partecipato alla Partita del Cuore 2008 fra la Nazionale Italiana Cantanti e la Nazionale Unica formata da cantanti, attori e comici. In quell’occasione, trasmessa in diretta dalla Rai, Carta ha cantato dal vivo e si è fatto valere anche come calciatore nella squadra della Nazionale Unica. Dopo quella performance sportiva è entrato nel roster della Nazionale Italiana Cantanti.
Durante l’estate 2008 è protagonista di un tour entusiasmante che raduna oltre 200 mila spettatori. La consacrazione live arriva a Capodanno: Marco Carta festeggia l’arrivo del 2009 con un concerto nella sua Cagliari davanti a 70 mila persone. La straordinaria esperienza sul palco è testimoniata da “Marco Carta In Concerto” (Warner Music): cd+dvd con la ripresa di un’esibizione estiva a Cagliari. Pubblicato il 3 ottobre 2008, l’album dal vivo è vicino al traguardo del disco d’oro.
Altre grandi passioni sono gli animali (possiede 4 cani – 3 meticci e 1 carlino – e alcuni coloratissimi pappagallini) e il cinema, in particolare le trame thriller. Il film preferito è “Amityville Horror”; gli attori prediletti Robert De Niro e Cameron Diaz. Marco ha partecipato alla pellicola d’animazione “Impy 2” (in uscita a fine gennaio 2009) come doppiatore e interprete della cover “That’s The Way” inserita nella colonna sonora.
Il 2009 è l’anno del debutto al Festival di Sanremo dove vince nella categoria “artisti” con canzone “La forza mia”, il primo singolo del nuovo omonimo album che in pochi giorni raggiunge il disco di platino per le vendite.
A fine aprile è partito il suo tour nei Palasport che lo vede impegnato nelle principali città italiane.
L’estate 2009 è stata ricca di riconoscimenti con due premi ai TRL Awards a Trieste (Man Of The Year e Best #1 Of The Year), tre premi agli Wind Musici Awards (uno per il disco di platino di “Ti rincontrerò”, uno per il disco di platino di “La Forza Mia”, e il terzo come artista più votato da RTL 102.5); infine a luglio a Venezia ha ritirato il premio speciale Venice Music Awards come artista maschile dell’anno.
A gennaio 2010 Marco Carta trionfa con “la Forza Mia e” e Dentro ad ogni brivido” nella classifica dei migliori video del 2009 selezionati da Mtv Hits e votati dagli utenti di SKY.it.
Marco Carta pubblica a maggio 2010 il nuovo disco di inediti “Il Cuore Muove” prodotto da Paolo Carta e anticipato in radio dal singolo “Quelle che dai” scritto da James Morrison.
Ai vertici delle classifiche di vendita di dischi; Marco da giugno ha iniziato il tour che lo ha visto protagonista per tutta l’estate nelle principali località italiane. A maggio 2011 riceve il premio peril disco d’oro a gli Wind Music Worls a Verona.
Ad aprile 2012 viene pubblicato il suo quarto disco di inediti “Necessità Lunatica” e il 31 marzo vince i Kids’ Choise Awards 2012 di Nickelodeon come “miglior cantante italiano”, oltre a tornare nella scuola di “Amici” nella sfida tra i big.

Leggi anche

2 Commenti su Il 10 aprile, nuovo album di Marco Carta, Necessità lunatica

  1. Nice blog here! Also your website loads up fast! What host are you using? Can I get your affiliate link to your host? I wish my site loaded up as quickly as yours lol edbdbeeddkae

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*