Il 19 aprile 1882 scomparve C. R. Darwin, padre della teoria evoluzionista COMMENTA  

Il 19 aprile 1882 scomparve C. R. Darwin, padre della teoria evoluzionista COMMENTA  

Londra, era il 19 aprile 1882 quando si spense C. R. Darwin, grande biologo e naturalista inglese, padre della teoria dell’evoluzione per selezione naturale. La sua opera principale, “Sull’origine delle specie“, costituisce una pietra miliare della storia del pensiero scientifico: ogni scienziato oggi non può fare a meno di confrontarsi con questo testo rivoluzionario.

Leggi anche: Luisa Spagnoli. Ascolti record per la miniserie tv


Sono passati 130 anni dalla sua scomparsa, eppure il suo pensiero è ancora al centro delle principali discussioni in ambito scientifico. Fortemente osteggiato dalla Chiesa che, come ben si sa, sostiene una teoria creazionista, il biologo inglese ipotizzò un modello di evoluzione “a corallo”, dove ogni specie non è che un ramo dell’immenso tree of life.

Dopo che, con Copernico, all’uomo è stata tolta la posizione privilegiata nel centro dell’Universo, ora, con Darwin, viene a perdere anche la centralità sulla Terra: secondo la teoria darwiniana, infatti, l’uomo non è che una specie fra le altre specie; non è più la creatura prediletta di Dio, discende dalle scimmie.

Leggi anche: Bruce Springsteen Italia 2016: Milano e Roma 3 e 16 luglio, biglietti e prezzi


Secondo Darwin, l’evoluzione delle specie si attua per selezione naturale. In parole povere, essa consiste nel fatto che ad avere la meglio nella lotta per la sopravvivenza è l’individuo che ha le migliori carte per adattarsi all’ambiente in cui si trova a vivere. Questa idea, che ha subito svariate interpretazioni, prima su tutte quella del darwinismo sociale, toglie l’intervento divino dalla Terra: non eravamo quello che siamo; quello che siamo dipende da quello che eravamo, che non sempre è ciò che ci aspettiamo che fossimo.


La teoria evoluzionistica possiede numerosissimi punti di forza, supportati da innumerevoli conferme empiriche. Tuttavia, il modello di Darwin possedeva alcuni punti oscuri. È da questi punti oscuri che la Chiesa ha mosso le sue accuse alla teoria. In questi ultimi anni, molti sostenitori del darwinismo hanno sviluppato un nuovo modello di evoluzione, riprendendo ed ampliando quello di Darwin, chiarendo però alcuni dei punti non chiari.

L'articolo prosegue subito dopo


Comunque stiano le cose, resta innegabile che Charles Robert Darwin abbia fornito un contributo incredibile allo sviluppo del pensiero scientifico e, a prescindere dalla verità della sua teoria, resta uno dei più grandi pensatori che l’Occidente abbia mai avuto.

Frontespizio de "Sull'origine delle specie"

Leggi anche

babbo-natale
Cultura

Babbo Natale esiste o no

Ci sono ancora bambini che credono a Babbo Natale e attendono con ansia di ricevere i suoi doni a Natale. Ma quanto c'è di reale in questo personaggio? La maggior parte dei genitori si sente rivolgere la fatidica domanda “Babbo Natale esiste o no?” dai propri figli appena riescono a percepire la realtà distinguendola dalla fantasia. Per alcuni questo momento arriva presto (fra i 3 e i 9 anni), per altri si prolunga un po’. Una cosa è certa: nell’immaginario collettivo dei più piccoli il personaggio di Babbo Natale ha persino soppiantato Gesù Bambino. Per i bimbi in tenera età Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*