Il 27 gennaio è sciopero generale: manifestazione nazionale a Roma COMMENTA  

Il 27 gennaio è sciopero generale: manifestazione nazionale a Roma COMMENTA  

Usb, Orsa, SlaiCobas, Cib-Unicobas, Snater, SiCobas e Usi sono le sigle che hanno organizzato la giornata del 27 gennaio: sciopero generale, sia per il settore pubblico che per quello privato e manifestazione nazionale a Roma.


Lo sciopero è indetto contro il governo Monti, che conferma le precedenti manovre e riduce il potere d’acquisto dei salari attraverso l’aumento dell’IVA, dell’Irpef locale, dei ticket sanitari, delle accise sulla benzina e attraverso a riadozione dell’ICI sulla prima casa.

Il governo colpisce inoltre l’intero sistema pensionistico e privatizza beni comuni e servizi pubblici, andando contro le decisioni prese al referendum dell’estate scorsa e applicando i dettami di Banca Centrale e Unione Europea, che tutelano gli interessi del grande capitale bancario, finanziario ed economico, scaricando così i costi della crisi solo sui lavoratori e sulle fasce di popolazione più disagiata.


Per non parlare delle precedenti manovre del governo Berlusconi, che prevedono misure su licenziamenti, privatizzazioni e peggioramento delle condizioni di lavoro nel settore privato e pubblico impiego, fatte proprie dal Governo Monti, il quale le rilancia attaccando ulteriormente il contratto nazionale ed introducendo altra precarietà con contratti di ingresso privi di diritti e con il ricatto costante del licenziamento.

L'articolo prosegue subito dopo


Senza contare il “piano Marchionne”, le delocalizzazioni e la deindustrializzazione in atto, l’estensione dell’accordo Pomigliano in tutto il gruppo Fiat e nelle aziende metalmeccaniche collegate, con la cancellazione del contratto nazionale e la svolta autoritaria in atto nelle relazioni sindacali.

Lo sciopero è anche il modo più diretto per chiedere la piena applicazione delle misure di tutela su salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Durante lo sciopero generale saranno garantiti i servizi minimi essenziali.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*