Il 30 aprile 1989 morì Sergio Leone, grandissimo regista e sceneggiatore italiano

Cultura

Il 30 aprile 1989 morì Sergio Leone, grandissimo regista e sceneggiatore italiano

23 anni fa, il 30 aprile del 1989, si spense Sergio Leone, indimenticato, ed indimenticabile, regista italiano. Nato a Roma il 3 gennaio del ’29, negli anni ’50 iniziò a scrivere sceneggiature, soprattutto per film peplum, opere di carattere epico-storico in costume, molto in voga in quegli anni. Sempre negli anni cinquanta, iniziarono gli incarichi di rilievo, soprattutto come assistente regista, come ad esempio Quo Vadis? (1951) e Ben Hur (1959), film vincitore di 11 premi Oscar.

Con l’avvento degli anni ’60, per Leone arrivò anche il momento del successo. Passati di moda i peplum, il regista romano fu pioniere del genere che, proprio in quegli anni, andava riscuotendo sempre maggior successo: il western, creando una sotto-categoria tutta all’italiana, passata alla storia come spaghetti-western. Di questo periodo, resterà per sempre incisa nel firmamento del cinema quella che è la trilogia del dollaro: Per un pugno di dollari (1964), Per qualche dollaro in più (1965) e Il buono, il brutto, il cattivo (1966). In questi film la colonna sonora fu realizzata dal grandissimo Ennio Morricone. In seguito a questi successi, Leone diresse quello che, almeno nelle intenzioni sarebbe dovuto essere il suo ultimo western: C’era una volta il West (1967). Girato nella Monumental Valley, in Italia ed in Spagna, questo film risulta come una lunga, violenta e quasi “onirica” meditazione sulla mitologia del West, cui collaborarono altri due grandi registi: Bernardo Bertolucci e Dario Argento.

Negli anni ’70, Leone si trasferì negli USA e diresse Giù la testa (1971), film in cui il regista espone le sue visioni sull’umanità e sulla politica. In seguito si dedicò alla stesura di svariate sceneggiature.

Dopo aver rifiutato un’offerta per dirigere Il padrino, negli anni ottanta fece ritorno in Italia, dove girò un film incentrato sulla mafia e sui gangster americani: C’era una volta in America (1984). Questo film è considerato il suo capolavoro, nonché uno dei migliori film della storia del cinema.

Mentre il regista era impegnato nella direzione di un film sull’epico assedio di Leningrado durante la Seconda Guerra Mondiale, fu colto da un attacco di cuore, che pose fine alla sua vita il 30 aprile 1989.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...