Il 50% del personale Amat aderisce allo sciopero palermitano COMMENTA  

Il 50% del personale Amat aderisce allo sciopero palermitano COMMENTA  

Lo sciopero dei lavoratori dell’Amat (l’azienda di trasporto pubblico urbano di Palermo) indetto nella giornata di ieri da Uiltrasporti, Fit Cils e Filt Cgil è stato un successo: l’adesione è stata oltre 50% di tutto il personale.

Leggi anche: Lo stato confusionale di Provenzano. Quando il boss perse la lucidità


Il sindacato Fit Cisl ha spiegato le motivazioni della protesta, rintracciandole nelle ”forti preoccupazioni sulle condizioni economiche dell’Azienda, il taglio del 20% dei contributi regionali per il trasporto pubblico locale, la necessaria revisione del contratto di servizio e i crediti vantati nei confronti del comune di Palermo, la sicurezza retributiva ormai solo desiderata, una produzione chilometrica sempre piu’ deficitaria, la politica clientelare sugli autisti imboscati e, infine, un turn over del personale che ad oggi non e’ avvenuto, se non in uscita.

Leggi anche: 5 spa romantiche per festeggiare San Valentino a Palermo

Rispetto alla pianta organica che prevede 2200 unità in Azienda si continua a lavorare con 450 unita’ in meno”.

Leggi anche

Bernardo Provenzano
Attualità

Lo stato confusionale di Provenzano. Quando il boss perse la lucidità

Provenzano: il boss di Cosa Nostra e lo stato confusionale causato dalla perdita di lucidità durante gli ultimi anni della sua vita Bernardo Prevenzano è decesso  oggi 13 luglio all'età di 83 anni. Il boss di Cosa Nostra è morto a causa del cancro alla vescia e alla prostata. Lo stato di salute di Provenzano si trovava gravemente danneggiato e infatti, nel 2001 scattarono l'allarmi per le condizioni di salute del boss. Provenzano soffriva spesso di perdita di lucidità e non sapeva perché ne come  fosse detenuto. Ogni tanto aveva anche episodi  di balbuzie. Furono le lettere scritte alla moglie a far capire alla Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*