Il 9 settembre ad Eboli apre il Museo dell’Operation Avalanche COMMENTA  

Il 9 settembre ad Eboli apre il Museo dell’Operation Avalanche COMMENTA  

Nella giornata di commemorazione dello Sbarco Alleato avvenuto il 9 settembre 1943, sarà inaugurato, nelle sale del complesso monumentale di Sant’Antonio di Eboli, il Museum of OperationAvalanche.

Leggi anche: “Adolfo Wildt (1868-1931). L’ultimo simbolista” a Milano

Due i percorsi storici permanenti: la mostra di fotografie storiche provenienti dall’archivio di Angelo Pesce e la sala multimediale interattiva dove i visitatori potranno rivivere le fasi salienti degli avvenimenti bellici che ebbero come scenario la Piana del Sele.

Leggi anche: “Il mercante di Nuvole. Studio65: 50 anni di Futuro” a Torino

Entrambi gli allestimenti, realizzati lo scorso anno in occasione del Progetto “Lo Sbarco Alleato sulle coste del Sele” cofinanziato dalla Regione Campania, consolidano oggi un progetto integrato di recupero della Memoria e di valorizzazione della Creatività ed una rete pubblico-privata di investimenti sostenuta dal Comune di Eboli in partenariato con associazioni ed enti internazionali.

Grazie a questo sforzo congiunto, che mira a valorizzare in chiave di sviluppo sociale, culturale e turistico gli investimenti pubblici fin qui sostenuti, saranno fruibili in aggiunta anche cinque sale tematiche con armi, divise ed oggetti della cultura materiale dell’epoca.

L'articolo prosegue subito dopo

Oltre ad ospitare la cerimonia inaugurale e la celebrazione in memoria dei caduti, Il MOA sarà lo scenario dove si svolgeranno le commemorazioni dello Sbarco Alleato per tutto il mese di settembre e diventerà spazio creativo nel quale si alterneranno nel corso dell’anno attività di grande spessore artistico, mostre, iniziative di divulgazione, formazione ed itinerari turistici alla scoperta delle vicende storiche che hanno avuto come teatro il territorio campano. Il sito ufficiale del MOA è www.avalanche1943.it.

Leggi anche

Cultura

Canzoni Santa Lucia

In arrivo del 13 Dicembre, si festeggia il "giorno più corto che ci sia": si festeggia Santa Lucia, la Matrona e la Protettrice di molte città italiane E’ in arrivo la Festa di Santa Lucia che si celebre ogni anno il 13 dicembre e viene ricordato per essere “il giorno più corto che ci sia”; secondo la cultura liturgica Santa Lucia era una martire cristiana, matrona della città sicula di Siracusa e di molti altri comuni italiani. Perì il 13 dicembre del 304, durante le persecuzioni di Diocleziano, celebre imperatore romano dal 284 al 305. Prima dell'introduzione del calendario Gregoriano, la festività di Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*