Il Ballet D’Europe per la prima volta a Torino – 13-14 dicembre Teatro Astra COMMENTA  

Il Ballet D’Europe per la prima volta a Torino – 13-14 dicembre Teatro Astra COMMENTA  


Ballet D’Europe – Jean-Charles Gil
in
FOLAVI
Comme un souffle de femme
Coreografie di Jean-Charles GIL

Martedì 13 dicembre 2011 – ore 21
Mercoledì 14 dicembre 2011 – ore 19
Teatro Astra, Torino

Terzo appuntamento di
PALCOSCENICO DANZA,
la stagione di danza 2011-2012
del Balletto dell’Esperia
al Teatro Astra

Terzo appuntamento di PALCOSCENICO DANZA, la stagione di danza 2011-2012 del Balletto dell’Esperia / Centro Coreografico Rettilario, che si svolge a Torino al Teatro Astra (via Rosolino Pilo 6) e che anche quest’anno è ospitata nel cartellone teatrale della Fondazione Teatro Piemonte Europa: martedì 13 dicembre alle 21 e mercoledì 14 dicembre alle 19 PER LA PRIMA VOLTA A TORINO il BALLET D’EUROPE – JEAN-CHARLES GIL con lo spettacolo FOLAVI / COMME UN SOUFFLE DE FEMME.

La stagione, che si svolge da ottobre ad aprile, si compone di sette appuntamenti prestigiosi, alcuni in prima assoluta o in prima nazionale, con coreografi e compagnie italiane ed europee tra ottobre 2011 e aprile 2012. Palcoscenico Danza è realizzato con il sostegno di:
REGIONE PIEMONTE
CITTÀ DI TORINO
TORINODANZA
FONDAZIONE CRT
FONDAZIONE TEATRO PIEMONTE EUROPA
MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

Con il patrocinio del CRUD – Centro Regionale Universitario per la Danza “Bella Hutter”
BALLET D’EUROPE – JEAN-CHARLES GIL

Per la prima volta a Torino il Ballet d’Europe – Jean-Charles Gil, brillante compagnia francese fondata nel 2003 dall’étoile internazionale (già stella di Roland Petit ai tempi della sua direzione al Balletto di Marsiglia e di Maurice Béjart), composta da dodici splendidi danzatori di solida base classica posta al servizio della danza contemporanea.


Per Palcoscenico Danza viene presentato un programma composto da due coreografie del suo direttore che mettono in luce la notevole versatilità e l’ottimo livello tecnico dei suoi interpreti.

FOLAVI
Coreografia, scenografia e costumi: Jean-Charles Gil
Musica: Antonio Vivaldi
Luci: Jean-Bastien Nehr
Co-produzione: Théâtre du Châtelet – Parigi

FOLAVI, balletto del 2008, nasce dalla volontà del coreografo di immergersi nella vitalità dei Concerti di Antonio Vivaldi e di tradurla in pura fluidità attraverso i movimenti dei danzatori. Alla vivacità delle “energie musicali” corrisponde quella del corpi…

“FOLAVI suona come Vivaldi, la cui musica rimanda all’energia del movimento, come una passeggiata tra i canali di Venezia, dove l’acqua e il cielo si mescolano. FOLAVI è un riflesso di Vivaldi sulla superficie dell’acqua…
FOLAVI è una parola dall’effetto caleidoscopico, in cui hanno luogo molteplici immagini della mente: FOL come follia, VI come vita e come Vivaldi, FO anche come Dario FO, genio teatrale contemporaneo… Sono tutti parte di questa parola e dello spirito che anima questa coreografia…”

«Un brano ludico, dinamico, che brilla per generosità e gioia di danzare. Gli interpreti mostrano una qualità tecnica smagliante e una grande sensibilità in una coreografia costruita con gusto, in un evidente stile neoclassico di cui l’autore rivendica l’importanza. »
Gérard Mannoni, Altamusica – aprile 2008

«FOLAVI è una composizione di fattura astratta… La musica presa in prestito dai Concerti di Vivaldi richiede un ritmo sostenuto, e il coreografo evita gli unisoni e immagina per i suoi interpreti duetti, trii e gruppi, generosi e fluidi… »
Yves Bourgade, AFP – aprile 2008

– intervallo –

COMME UN SOUFFLE DE FEMME
Coreografia, scenografia e luci: Jean-Charles Gil
Musica: Mikis Theodorakis
Canzoni interpretate da Maria Farantouri – estratte dall’album Beatpikh (Beatrice) sui poemi di Dionyssis Karatzas
Costumi: Philippe Combeau
In collaborazione con il Théâtre du Merlan – Scène Nationale – Marsiglia

Comme un Souffle de Femme è un omaggio alla donna mediterranea: Mikis Teodorakis, attraverso la splendida voce di Maria Farantouri, compone questo ritratto attraverso diversi quadri cantati che ne evocano la generosità, la bellezza e l’importanza del suo ruolo nella società. Un‘immagine forte e malinconica allo stesso tempo, che Jean-Charles Gil ritrae quadro dopo quadro attraverso una danza elegante e sinuosa, piena di spirito mediterraneo. Un’energia terrena in cui i corpi, ben ancorati al suolo, lasciano “evaporare” immagini poetiche come la bruma del mattino che lentamente lascia la terra per scomparire nell’aria.

L'articolo prosegue subito dopo


«Gil soffia sulla fiamma del desiderio… »
Marie-Eve Barbier, La Provence – giugno 2010

«Comme un Souffle de Femme, creazione del talentuoso Jean-Charles Gil, direttore del Ballet d’Europe, è davvero un ‘respiro profondo’: porta in scena una gestualità limpida e sensibile magnificamente interpretata dai danzatori… è a brezza sensuale del Sud che racconta le donne, gli uomini, l’amore… »
P.Hilarion, Classica – settembre 2009

BALLET D’EUROPE – JEAN-CHARLES GIL
Fondato nel 2003 da Jean-Charles Gil (étoile al Ballet de Marseille, al San Francisco Ballet e ai Balletti di Monte-Carlo), il Ballet d’Europe ha sede a Marsiglia e consta attualmente di 12 danzatori di età compresa tra i 19 e i 33 anni di diversa nazionalità. La fiducia nel corpo, nelle sue infinite potenzialità espressive, musicali ed emozionali, sono i punti cardine su cui ruota il repertorio della compagnia, che in soli nove anni è riuscita ad annoverare molti titoli siglati da alcuni dei più interessanti creatori di oggi quali Nacho Duato, Luca Veggetti, Jorma Uotinen, Régis Obadia, Lionel Hoche, Francesco Nappa e, naturalmente, dal direttore Gil (Petrouchka, Mireille, One More Time, Schubert in Love, Folavi, Autrement Pareil). Scrittura calligrafica e propensione all’astrattismo sono le caratteristiche del coreografo Gil, che fonda sull’intuizione fisica e sui naturali sentieri del corpo, la leggibilità e l’eleganza della sua danza foriera di emozioni.

Il Ballet d’Europe – Jean-Charles Gil è sostenuto dal Conseil Général des Bouches du-Rhône – partner principale -, dalla Région Provence-Alpes Côte d’Azur, dal Ministère de la Culture et de la Communication – DRAC PACA, dalla città di Marsiglia e dalla città di Allauch.

www.ballettoesperia.com – www.fondazionetpe.it

BIGLIETTI

BALLET D’EUROPE – spettacolo fuori abbonamento
Biglietti:
– intero 18,00 €
– ridotto 13,00 €

INFO e PRENOTAZIONI:
Teatro Astra tel. 011.5634352 dal martedì al sabato dalle ore 16 alle 19
e-mail: info@fondazionetpe.it

Ritiro prenotazioni, prevendita biglietti e abbonamenti:
– presso InfoPiemonte, piazza Castello 165, dalle 10 alle 18 tutti i giorni
– presso il Teatro Astra, via Rosolino Pilo 6 (tel. 011.5634352) dal martedì al sabato dalle ore 16 alle 19

BALLETTO DELL’ESPERIA / CENTRO COREOGRAFICO RETTILARIO

PALCOSCENICO DANZA 2011-2012

Sette appuntamenti d’eccezione che susciteranno grande interesse per la loro peculiarità e l’alto livello artistico, tutti raccolti sotto il comune denominatore del linguaggio del corpo, che, stagione dopo stagione, si conferma la cifra che caratterizza Palcoscenico Danza: giunta alla sua quinta edizione, l’iniziativa si conferma punto di riferimento importante tra le proposte di danza in città. Anche quest’anno il pubblico sarà nuovamente in contatto con le molte anime della danza contemporanea di oggi, e si confronterà con differenti stili e molteplici mondi d’artista. Palcoscenico Danza ha registrato nella scorsa edizione il tutto esaurito in ogni serata, tanto in quelle delle compagnie ospiti quanto in quelle della compagnia di casa, il Balletto dell’Esperia.
Appuntamento di spicco della prossima stagione è il Ballet d’Europe, una delle più interessanti e riconosciute compagnie di Francia nell’ambito neoclassico-contemporaneo, fondata e diretta dall’étoile internazionale Jean-Charles Gil. Per la prima volta a Torino, l’ensemble, formato da 12 splendidi danzatori, proporrà alcuni lavori del suo direttore.
A gennaio e febbraio due prime nazionali: a gennaio, da Stefan Sing, celebrità del mondo della giocoleria, e da Cristiana Casadio, danzatrice dalle sorprendenti doti tecniche ed espressive, che nel loro duetto Tangram ci mostrano come i confini tra danza e giocoleria possano essere superati e anzi come le due discipline si alimentino a vicenda grazie ad un forte supporto poetico di grande impatto visivo. A febbraio sarà invece la volta di Jordi Vilaseca, danzatore catalano dalla straordinaria plasticità e presenza scenica, che presenterà l’assolo Cara de mimbre (La faccia nel cesto), un susseguirsi di scene dai molteplici umori che raccontano le diverse vie per superare le difficoltà della vita.
Il Balletto dell’Esperia sarà presente per il suo numeroso pubblico con due prime assolute e nel tradizionale Opening, che quest’anno metterà in scena danzatori di oggi e promesse di domani. Infatti, accanto al BdE – che proporrà alcuni ‘assaggi di stagione’, estratti dalle nuove creazioni che la compagnia presenterà nei mesi successivi – saranno protagonisti della serata gli allievi di Professione MAS Dance Lab di Milano, accademia di perfezionamento professionale diretta da Elisa Guzzo Vaccarino: 13 dei suoi migliori giovani danzatori interpreteranno la recente creazione di Paolo Mohovich Riverbero, su musica di John Adams.
Infine le due prime assolute del BdE: a novembre lo spettacolo dedicato ad alcuni personaggi minori di Shakesperare tratti da La Tempesta, Amleto, Macbeth e Molto rumore per nulla, firmato a quattro mani da Gustavo Ramirez Sansano, Paolo Mohovich, e da due giovani autori che stanno nascendo in seno alla compagnia, Silvia Moretti e Davide Di Giovanni. A marzo, la nuova produzione 2012 Bach éclat, una vibrante creazione, omaggio al grande compositore tedesco: la luminosità e la bellezza a volte piena di spiritualità, che contraddistinguono l’opera di Bach, danno il titolo allo spettacolo, che si articola in un gioco di dinamiche e di forme con l’obiettivo di disegnare la musica attraverso i movimenti, in sintonia o in contrasto con essa.
Chiude la stagione il consueto appuntamento dedicato ai coreografi emergenti del Piemonte, con la coreografa Federica Pozzo e la sua compagnia G.A.P.: Progetto Monostatos è un singolare spettacolo dedicato all’intrigante personaggio mozartiano del Flauto magico.
Palcoscenico Danza è il segno tangibile di un progetto importante, frutto delle molte sinergie create negli anni dal Balletto dell’Esperia con realtà artistiche internazionali: il Balletto dell’Esperia / Centro Coreografico Rettilario prosegue così il percorso iniziato negli anni scorsi, per contribuire significativamente alla promozione e alla diffusione della danza di qualità in Piemonte.

CALENDARIO
25 ottobre 2011, ore 21.00
BALLETTO DELL’ESPERIA & PROFESSIONE MAS DANCE LAB
OPENING / BDE & MAS

23 novembre 2011, ore 19.00
24 novembre 2011, ore 21.00
BALLETTO DELL’ESPERIA
SHAKESPEARE’S FRAMES
PRIMA ASSOLUTA

13 dicembre 2011, ore 21.00
14 dicembre 2011, ore 19.00
BALLET D’EUROPE – JEAN-CHARLES GIL
FOLAVI / COMME UN SOUFFLE DE FEMME

17 gennaio 2012, ore 21.00
18 gennaio 2012, ore 19.00
STEFAN SING & CRISTIANA CASADIO
TANGRAM
PRIMA NAZIONALE

1 febbraio 2012, ore 19.00
JORDI VILASECA
CARA DE MIMBRE
PRIMA NAZIONALE

15 – 16 – 17 marzo 2012, ore 21.00
BALLETTO DELL’ESPERIA
BACH éclat
PRIMA ASSOLUTA

17 aprile 2012, ore 21.00
COREOGRAFI DEL PIEMONTE
G.A.P. – Compagnia di danza contemporanea
PROGETTO MONOSTATOS

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*