IL BUGIARDO di Carlo Goldoni COMMENTA  

IL BUGIARDO di Carlo Goldoni COMMENTA  

 

 

Il bugiardo ècertamente una commedia, piena di gag e di trovate comiche. Gli equivoci perònon sono voluti da un Fato capriccioso e beffardo; sono il risultato di unapatologia tutta umana. Lelio, con le sue spiritose invenzioni, innesca un meccanismo perverso e inesorabile che lo porterà alla rovina, all’allontanamento dalla società in cui tenta – disperatamente – di inserirsi. Lelio è uno sbruffone e un bugiardo ma è sostanzialmente un disadattato, vittima di una società profondamente malata, sclerotizzata. Un padre assente fin dalla sua giovinezza, un essere umano dimenticato da tutti.

Stritolato dalle convenzioni, Lelio, tenta di liberarsene con ogni mezzo… tutto inutile. Lelio è vittima del mondo. Ruota intorno a questa figura tragicomica una galleria di personaggi inconsapevolmente crudeli, avidi, sospettosi, creduloni… Il malessere e la paura serpeggia tra le battute frizzanti.


In un continuo e inesorabile scambio di ruoli, cinque attori danno vita ai 14 personaggi della commedia goldoniana. Questa costante trasformazione imprime alla pièce un nuovo ritmo, che pur mantenendo ben leggibile la trama, amplifica il senso stesso del testo in un gioco di specchi in cui la finzione teatrale moltiplica le caratteristiche del protagonista.


Le vere protagoniste sono però, alla fine, le convenzioni, le ipocrisie e le “maschere” di una società che ancora oggi non lascia via di scampo.


 

ingresso
intero € 13 – ingresso ridotto € 10

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*