IL BUONGIORNO DI GRAMELLINI-UNO AL GIORNO, PER UN ANNO, NEL SUO NUOVO LIBRO COMMENTA  

IL BUONGIORNO DI GRAMELLINI-UNO AL GIORNO, PER UN ANNO, NEL SUO NUOVO LIBRO COMMENTA  

gramellini

 

Massimo Gramellini si racconta nel suo nuovo libro La magia di un Buongiorno edito da Longanesi: si tratta di una raccolta di 365 buongiorno che il giornalista ha scritto nel tempo per i lettori del quotidiano con cui collabora da anni, “La Stampa”.


«Fin dall’infanzia, la scrittura è l’unico gesto quotidiano che riesca a trasmettermi serenità. Nella vita privata rimango un timido che sconfina nell’imbranataggine. In televisione mi agito e mangio le parole. Ma ogni sera, appena infilo la cuffia e la musica inizia a scorrermi nelle vene, le dita si muovono sulla tastiera del computer come se seguissero un tragitto inesorabile. Questa è una selezione dei Buongiorno che da quindici anni scrivo in fondo alla prima pagina del giornale con cui felicemente convivo: La Stampa. Sono trecentosessantacinque, come i giorni di un almanacco dove i sorrisi si alternano ai sospiri e gli scatti di indignazione agli sberleffi, lasciando sempre una finestrella aperta per i sogni di passaggio che avessero voglia di entrare. Il Buongiorno funziona soltanto se ha la leggerezza e l’imprevedibilità di un corsivo. Cioè soltanto quando è scritto con amore. Alludo all’amore dell’artigiano che rimane mezz’ora di più al tavolo di lavoro per piallare un aggettivo o sostituire una metafora traballante. Altro che mago. Sono un manovale che ogni giorno si monta la testa e pensa di poter fabbricare un mondo migliore con le sue parole. Un’illusione, certo. Ma se non la credessi vera, mi passerebbe la voglia di provarci».


Così il giornalista parla di quello che fa ogni giorno, scrivere con passione e amore per i suoi lettori, per rendere, tramite le sue parole, l’inizio della giornata più piacevole e leggero

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*