Il cancro del polmone nelle donne anziane è raddoppiato dal 1970 COMMENTA  

Il cancro del polmone nelle donne anziane è raddoppiato dal 1970 COMMENTA  

Il cancro ai polmoni tra le donne anziane è raddoppiato negli ultimi 30 anni, le cifre lo dimostrano.
Gli esperti dicono che la malattia si sta verificando tra coloro che hanno iniziato a fumare negli anni 1970 e 1980, molti delle quali hanno eliminato l’abitudine.

Le cifre per le donne inglesi di età compresa tra 60 e più è passata da 88 su 100.000 nel 1975 a 190 su 100.000 nel 2008, secondo gli ultimi dati disponibili.

Gli over 80 hanno i tassi più alti di tutti con 273 casi su 100.000 nel 2008, tre volte di più nel 1975 quando vi erano solo 84 su 100.000.

Le persone colpite quasi certamente hanno iniziato a fumare tra i venti anni, trenta o quaranta, quando l’abitudine era di gran lunga più socialmente accettabile.

L'articolo prosegue subito dopo

Nel 1975 quasi la metà di tutti gli adulti erano fumatori, ma questo è sceso a poco più di un quinto di oggi.
Il cancro del polmone è la seconda forma più comune dopo il cancro al seno nelle donne, con quasi 41.000 nuovi casi diagnosticati ogni anno.
Quasi il 90 per cento sono causati dal fumo, mentre il resto legato al fumo passivo, amianto o l’inquinamento atmosferico.
La malattia ha uno dei più bassi tassi di sopravvivenza di tutti i tumori, in quanto quasi due terzi dei casi vengono diagnosticati nelle fasi tardive, a quel punto di solito è incurabile.
E’ responsabile di oltre 35.000 morti in Gran Bretagna l’anno, uno ogni 15 minuti.
Jean King, direttore del Cancer Research UK di controllo del tabacco, ha detto: ‘Queste cifre evidenziano l’importanza di misure di controllo del tabacco per aiutare le persone a smettere di fumare.’

Leggi anche

Salute

Smettere di fumare: i dieci benefici

Cancro ai polmoni, problemi cardiovascolari, bronchiti croniche, rischio di infarto, rughe marcate sul viso, alterazioni ormonali, adiposità localizzate, colorito dell’epidermide spento: ecco tutte le cause del tabagismo Hai provato tante volte a gettare via la Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*