Il castello abbandonato della provincia di Torino COMMENTA  

Il castello abbandonato della provincia di Torino COMMENTA  

Castello di Agliè_Torino
Castello di Agliè_Torino

Il castello abbandonato della provincia di Torino è il Castello di Agliè, un castello dimenticato e pieno di segreti e di tesori. La storia del castello abbandonato della provincia di Torino è una storia lunga sette secoli, che ha visto il passaggio di duchi, principi e re e vanta un antico e nobile passato, testimoniato dalla varietà degli allestimenti che ancora caratterizzano appartamenti e giardini. Il Castello di Agliè è stato set di fiction famose.


Il castello si trova a 45 minuti di macchina dalla città di Torino. Molto probabilmente il primo nucleo del Castello di Agliè nacque intorno al secolo XII, ma solo nel 1646, l’edificio cominciò a prendere le forme che vediamo oggi.


Nel 1763 fu comprato dai Savoia che intervennero sul castello, sulla zona circostante e sul borgo, grazie al progetto dell’architetto Ignazio Birago di Borgaro, che “chiamò ad Agliè artisti cari alla corte torinese: i fratelli Filippo e Ignazio Collino per la statuaria delle fontane, lo stuccatore Giuseppe Bolina per gli apparati decorativi del grande atrio d’ingresso. Furono inoltre sistemati i giardini e il parco, risolto in termini di rigorosa simmetria verde, con uno specchio d’acqua lungo l’asse longitudinale“. In quell’epoca il castello di Agliè doveva essere al culmine dello splendore.


Durante la dominazione napoleonica il castello attraversa un periodo buio, solo nel 1823 l’edificio torna ai Savoia che ne aggiornano ancora una volta gli appartamenti ed il giardino e lo rifiniscono nuovamente. Nel 1939 i Savoia vendono al demanio il castello, che viene trasformato in sostanza in un museo vista la quantità di meraviglie che contiene.

L'articolo prosegue subito dopo


Circa una decina di anni fa, il Castello di Agliè ebbe un momento di celebrità legato alla fiction Elisa di Rivombrosa dove veniva girato e che portò centomila visitatori all’anno.

Oggi al Castello di Agliè si respira ancora aria di magia e di mistero e può essere visitato tutto l’anno, inclusa la domenica per soli 4 euro per il piano nobile ed altri 4 euro per le cucine reali.

 

1 / 6
1 / 6
  • Castello di Agliè_Labirinto
  • Castello di Agliè_Cappella
  • Castello di Agliè_Cappella
  • Castello di Agliè_Sala Ballo
  • Castello di Agliè_Torino
  • Castello di Agliè giardino

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*