Il cavaliere oscuro va in “pensione”? COMMENTA  

Il cavaliere oscuro va in “pensione”? COMMENTA  

Quante volte avete visto film americani polizieschi dove il poliziotto più anziano muore proprio qualche giorno prima di arrivare alla pensione?
Bè, immaginate di combattere il crimine per la bellezza di settant’anni, in
compagnia di un fidato amico, e di morire proprio per mano sua, ed eccovi
servita l’ultima (dis)avventura di Batman, il supereoe senza super poteri.
Il fumetto intitolato “Batman Rip” e stato scritto da Grant
Morrison(scrittore delle aventure del cavaliere oscuro dal 2006), oltre a
dichiarare che sarà Robin a mettere fine alla sua carriera di “difensore
della notte”, lo farà pure in modo lento e doloroso.
Che sia solo una trovata pubblicitaria? O è già in programma una resurezione
come sucesse al suo “collega” Superman?
Non resta che aspettare(il fumetto e uscito in america il 26 novembre,
pubblicato dalla Dc Comics) e vedere se il cavaliere oscuro e va in
pensione, prima di andare in pensione.

Leggi anche: Come disegnare bene

Leggi anche

babbo-natale
Cultura

Babbo Natale esiste o no

Ci sono ancora bambini che credono a Babbo Natale e attendono con ansia di ricevere i suoi doni a Natale. Ma quanto c'è di reale in questo personaggio? La maggior parte dei genitori si sente rivolgere la fatidica domanda “Babbo Natale esiste o no?” dai propri figli appena riescono a percepire la realtà distinguendola dalla fantasia. Per alcuni questo momento arriva presto (fra i 3 e i 9 anni), per altri si prolunga un po’. Una cosa è certa: nell’immaginario collettivo dei più piccoli il personaggio di Babbo Natale ha persino soppiantato Gesù Bambino. Per i bimbi in tenera età Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*