Il cervello si adatta e torna a funzionare, il caso di un 19 enne

Il cervello si adatta e torna a funzionare, il caso di un 19 enne

Salute

Il cervello si adatta e torna a funzionare, il caso di un 19 enne

cervello

Il nostro cervello sarebbe in grado di riadattarsi e funzionare di nuovo anche a seguito di gravi lesioni. Il caso di un 19 enne apre nuove frontiere.

A seguito di traumi gravi in un emisfero, il cervello riuscirebbe a “spostare” le attività dall’altra parte consentendo un recupero totale delle funzionalità. Si tratta del caso di un ragazzo di 19 anni coinvolto in un incidente stradale. Il paziente, a seguito del trauma, risultava avere perso del tutto l’uso dell’emisfero sinistro del cervello.

In tale porzione del cervello sono situate le aree preposte alla gestione del linguaggio e del movimento, pertanto il ragazzo presentava difficoltà motorie e nell’uso della parola.

Da un emisfero all’altro, il cervello ripristina le funzionalità

Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Brain and Language (ricerca a cura delle università di Udine e Torino e del Centro per il Recupero Cognitivo Puzzle) il ragazzo, bilingue, è riuscito a recuperare del tutto l’uso del linguaggio.

“Il giovane” riferisce Andrea Marini dell’Università di Udine, “ha ripreso a parlare sia in italiano, sia in rumeno” utilizzando “la stessa area dell’emisfero destro”. Si tratta del “primo caso al mondo in cui l’emisfero destro supplisce quello sinistro nel recupero parallelo di due lingue”.

Il recupero è stato attuato con “un intenso programma di riabilitazione sperimentale creato ad hoc e durato dal 2011 al 2016”, un vero e proprio bombardamento “da tutti i punti di vista, da quelli prettamente linguistici e quelli che riguardano più specificamente la comunicazione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Couperose
Salute

Couperose: rimedi per il viso

18 novembre 2017 di Notizie

La Couperose o “Maledizione dei Celti” è una malattia dermatologica. Scopri le cause ed i trattamenti protettivi e alimentari per contrastarne l’insorgenza.