Il cinema è in lutto: morto Francesco Rosi COMMENTA  

Il cinema è in lutto: morto Francesco Rosi COMMENTA  

francesco-rosi-638x425

Aveva novantadue anni, il regista napoletano Francesco Rosi, autore di pellicole che hanno fatto la storia del cinema italiano: “Dimenticare Palermo”, “Le mani sulla città”, “Cronaca di una morte annunciata”. Rosi è morto nella sua casa a Roma. La sua carriera cinematografica comincia dopo una gavetta come illustratore di libri  per bambini, nel 1946, quando viene chiamato a fare l’aiuto regista del grande Luchino Visconti nei film “La terra trema” e “Senso” del 1953. Nel 1958 Rosi realizza il suo primo lungometraggio, e di lui si ricorda soprattutto l’aver lanciato il filone del film-inchiesta.


Il film più famoso diretto da Francesco Rosi è stato senz’altro “Le mani sulla città” (1963), nel quale emerge con forza il legame tra i diversi organi dello Stato e lo sfruttamento edilizio esistente a Napoli.

Il film ha conquistato il Leone d’Oro al Festival di Venezia, e ha dato la possibilità al regista di ottenere la laurea ad honorem in “Pianificazione territoriale urbanistica ed aziendale” presso l’Università di Reggio Calabria.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*