Il Comune di Lamezia Terme finanzia progetti di cooperazione internazionale COMMENTA  

Il Comune di Lamezia Terme finanzia progetti di cooperazione internazionale COMMENTA  


Il Comune di Lamezia Terme ha previsto una somma, 10 mila euro, per la compartecipazione alla realizzazione di micro-progetti di cooperazione e solidarietà internazionale.

Leggi anche: Il calendario dei pompieri australiani per aiutare bambini e animali

Ogni organizzazione cittadina potrà presentare domanda al Settore Politiche Sociali del Comune di Lamezia Terme entro il 30 gennaio 2012 allegando copia del progetto che si intende realizzare o che è in via di realizzazione.

Leggi anche: VIP Italia onlus e la 12° giornata del naso rosso

Per quanto riguarda il progetto si terrà conto della realtà in cui si inserisce, dando priorità alle situazioni più difficili, a conflitti e post-conflitti. Le aree in cui devono incidere i progetti sono: i bisogni primari (in primo luogo la salvaguardia della vita umana); l’autosufficienza alimentare; la valorizzazione delle risorse umane e quindi la formazione, l’attuazione e il consolidamento di processi di sviluppo; la crescita economica e sociale; il miglioramento delle condizioni dell’infanzia e femminile.


Per ulteriori informazioni si può visitare il sito del Comune http://www.comune.lamezia-terme.cz.it/ o telefonare al settore Politiche Sociali 0968/207615 – 25329 (fax).

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*