Il Consiglio di Stato boccia la Tessera del Tifoso COMMENTA  

Il Consiglio di Stato boccia la Tessera del Tifoso COMMENTA  

 

Bobo Maroni
Bobo Maroni

La notizia era abbastanza prevedibile, ma è il caso di tornarci sopra: il Consiglio di Stato ha giudicato la Tessera del Tifoso, reputandola alla stregua di una pratica commerciale scorretta.

E’ l’ennesima bocciatura per una iniziativa che si è da subito rivelata deleteria, più che inutile. Se l’intenzione dell’ex Ministro degli Interni, Maroni, era quella di combattere la piaga della violenza negli stadi, lo strumento adottato, la Tesseradel Tifoso appunto, era probabilmente il mezzo meno adatto e più odioso possibile.

Meno adatto, in quanto non si poteva certo pensare di fermare i delinquenti con una semplice tesserina alla portata di chiunque o quasi. Più odioso, in quanto poneva i presupposti per una vera e propria schedatura di massa che contrasta palesemente con i presupposti di uno Stato di Diritto.

Inoltre, limitando il diritto ad andare in trasferta per chi non la avesse sottoscritta, andava a toccare delicatissimi temi di carattere costituzionale e relativi al diritto delle persone di potersi muovere liberamente.

L'articolo prosegue subito dopo

Mettiamoci infine il costo della Tessera, che diventava l’ennesima tassa mascherata introdotta in maniera surrettizia, e il quadro è completo. Tanto da aver sollevato una ondata di proteste non solo da parte degli ultras, ma anche presso le tante persone normali che vorrebbero poter andare allo stadio a vedere una gara, senza rischiare la propria incolumità fisica e quella dei propri familiari. Problema che andrebbe risolto usando le leggi già esistenti, che colpiscono i violenti, e impedendo che gli stadi diventino zona franca per gli stessi, invece di tirar fuori trovate del tutto estemporanee che dimostrano soltanto lo stato di confusione di quel mondo politico che sembra del tutto incapace di far seguire fatti concreti alle tante parole spese dopo gli innumerevoli fatti di sangue che, purtroppo, hanno interessato anche gli stadi italiani.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*