Il cuore, se potesse pensare. Una storia d’amore, ricerca e battaglie COMMENTA  

Il cuore, se potesse pensare. Una storia d’amore, ricerca e battaglie COMMENTA  

Nel 1939 Sultana, detta Susy, ha sette anni, dei bei boccoli neri, e non sa che la vita normale sta per finire. Nell’agosto
del 1941 l’intera famiglia si ritrova nel campo di concentramento di Ferramonti di Tarsia.
Nel giugno del 1944, si aprono per loro i cancelli di Bergen-Belsen. Sono anni di paura, fame, violenza. Ed è solo l’inizio. Perché al ritorno a
casa, nel dopoguerra, Susy scopre che la lotta per la sopravvivenza non è affatto finita.

La aspettano la miseria di una Milano in rovina, i sacrifici per poter studiare, il lavoro febbrile per perseguire un obiettivo difficile per una donna in quegli anni: la carriera medica, nel neonato reparto di pediatria del Fatebenefratelli prima e all’ospedale San Carlo poi.

Ma questo è anche il tempo delle scoperte e dell’entusiasmo per i progressi della medicina, del clima fervido di cambiamento sociale, di avventure sentimentali fino alla passione totalizzante e travagliata per quello che rimarrà per sempre il grande amore: Umberto Veronesi.

L'articolo prosegue subito dopo

Anno dopo anno, nonostante il lavoro durissimo, i sei figli, i lutti, la malattia, Susy si riappropria della sua vita, tiene alta la bandiera della sua indipendenza, e dà vita a un clan familiare numeroso e vitale, allargato, composito, unito. Sultana Razon ci accompagna nel racconto di un’esistenza densa e drammatica con uno stile secco, ruvido, veloce, capace di attraversare senza alcuna retorica il desiderio e l’orrore, la fatica e il gusto di vivere.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*