Il Derby : la vigilia

Inter

Il Derby : la vigilia

Il derby è una partita particolare, ogni derby ha delle peculiarità che vengono tramandate di padre in figlio.

Come il 1° derby del presidente Berlusconi che vide la vittoria arridere ai nerazzurri grazie al gol del giovanissimo Minaudo, o come il gol vincente di Mark Attila Hateley il cui poster divenne per anni un simbolo milanista.

O come ancora un limone che Benito Lorenzi pose, senza farsi vedere, sul dischetto del rigore, rigore che venne così calciato alle stelle e come Pablito Rossi attaccante mundial che in un campionato segnò solo due gol, ma in un derby.

Stramaccioni , alla vigilia della sua 1° stracittadina è tranquillo aspetta fiducioso le decisioni del presidente Moratti e non si sente sotto esame, assicura che l’Inter darà il massimo, perché sa che ogni tifoso si aspetta una prova d’orgoglio da parte di tutti i giocatori che scenderanno in campo : “La voglia di giocare questo derby è tantissima così come di giocarlo bene e vincerlo. Per noi questa gara arriva in un momento in cui la colonnina della carica è al massimo. Ovvio che è una gara diversa, data l’importanza della posta in palio è una gara da vivere e noi non vediamo l’ora di entrare in campo”.

Infine una chiusura sulla vicenda che ha visto protagonista l’ex allenatore della fiorentina, Delio Rossi: “Delio Rossi è una persona fantastica. Il gesto è gravissimo e va stigmatizzato ma non mi sento di giudicare l’uomo: un gesto non può condizionare il giudizio su una persona che ha sempre dimostrato di essere un grande professionista”.

Mi permetto di aggiungere che sarebbe anche utile capire le frasi che sono state rivolte all’allenatore dal giocatore, anche se è vero che non bisogna mai reagire a insulti e provocazioni è altrettanto vero che non bisognerebbe mai permettersi di offendere vilmente una persona.

Cereda Stefano

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...
Stefano Cereda 439 Articoli
Laureato in Scienze Storiche all'Università Statale di Milano, relatore in un convegno patrocinato dalla Provincia di Lecco sui 150 anni dell'Unità d'Italia, per il medesimo convegno autore di un saggio sul Risorgimento.