Il differenziale tra Btp e Bund scende sotto i 450 punti base COMMENTA  

Il differenziale tra Btp e Bund scende sotto i 450 punti base COMMENTA  

Operatori di borsa
Operatori di borsa

Mentre le Borse asiatiche vanno al rialzo, sull’onda dei dati della corporate America, Piazza Affari ha un avvio incerto, come del resto Londra, Parigi e Francoforte.

Leggi anche: Debutto in rosso per il titolo della Ferrari alla Borsa di Milano

La notizia positiva, arriva però dall’allentamento della tensione sui titoli del debito pubblico italiano. In attesa che il Consiglio dei Ministri rilasci il decreto che riguarda le liberalizzazioni, il differenziale tra Btp decennali e Bund si attesta sotto quota 450 punti base, livello che non si registrava ormai da un mese e mezzo.

Leggi anche: Pulvirenti arrestato per bancarotta fraudolenta dopo il crac Wind Jet

Per effetto di questi dati, i titoli a 10 anni rendono così il 6,3%, quelli a 5 anni il 5,2%, quelli a 2 il 3,7% restringendo anche la forbice nei confronti della Spagna sotto i 100 punti base.

E’ una parziale conferma, applicata al caso italiano, delle parole pronunciate a Tokyo, da Michel Barnier, commissario Ue al Mercato interno e ai Servizi finanziari, secondo il quale le scommesse sul crollo dell’euro sono sbagliate perché la crisi dell’Eurozona sarà battuta con le riforme.

L'articolo prosegue subito dopo

Il caso italiano, può essere perciò assunto a paradigma di queste parole, visto l’impatto che potrebbe avere la politica delle liberalizzazioni sul fronte della crescita, unica strada per non dover continuare a premere sulla valvola di sfogo rappresentata da tasse e tagli alla spesa pubblica, che stanno strangolando la nostra economia, azzerando il potere di acquisto delle famiglie, con una drammatica ricaduta sui consumi.

Leggi anche

Italia in bolletta: il 60% non paga il mutuo o l'affitto
Economia

Italia in bolletta: il 60% non paga il mutuo o l’affitto

In Italia aumentano le famiglie che non riescono a pagare la rata del mutuo e dell'affitto. Il numero di chi non arriva fine mese ha toccato il picco massimo degli ultimi 11 anni.   Circa il 5,4% delle famiglie italiane non paga regolarmente la rata del mutuo o la quota dell’affitto. Sempre più italiani  in `bolletta´, un valore che è cresciuto notevolmente e che nel 2015 ha raggiunto il livello massimo del decennio. Questi i risultati dell'indagine all'Istat sulle condizioni di vita, un indagine che evidenzia chiaramente che il 60% degli italiani fa fatica a effettuare regolarmente i pagamenti e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*