Il dio Indù Shiva (e le sue molte forme) COMMENTA  

Il dio Indù Shiva (e le sue molte forme) COMMENTA  

Insieme a Vishnu e Brahma, Shiva è una delle tre principali divinità Indù. Il suo lato negativo è conosciuto come Shiva – Rudra, mentre il lato positivo è conosciuto come Shiva – Shankara. Ci sono altre due forme di Shiva, Nataraja e Ardhanareeswara. Gli vengono accreditate due mogli,  Sati e Parvati. Egli darà anche alla luce due figli, (nella sua forma di donna) Ganesha e Kartikeya. Si dice che risieda sul monte Kailash sulle catene montuose dell’Himalaya.


Molte immagini di Shiva lo ritraggono coperto di cenere. In effetti, molti dei suoi adoratori si adornano in questo modo. Questo proviene da alcune forme di Shiva, associate ad un tipo di pratica ascetica.


Il Canone Pali è una scrittura buddista che si riferisce anche a queste pratiche. Egli è spesso raffigurato seduto su una pelle di tigre, che rappresenta sia la tigre come immagine della sua mente che il simbolo dei suoi successi ascetici. Si può vedere accompagnato anche da serpenti, un tamburo o da un tridente.


Shiva può essere rappresentato in una qualsiasi delle sue forme, tra cui Nataraja (il ballerino), Ardhanarishvara (metà uomo, metà donna), o Tripurntaka (un arciere). Una delle forme più semplici in cui è adorato simboleggia Shiva come una colonna verticale arrotondata.(simbolo fallico) Rappresentativo della sua forma Lingam.

Shiva può essere riconosciuto dal suo tridente, noto come Trishula. Egli è associato con Kundalini Yoga, Nandi il toro bianco, e la tigre come simbolo della sua mente. Molte immagini di Shiva lo dipingono in una danza cosmica o durante la meditazione seduto nella posizione del loto. In molte immagini, a Shiva viene assegnato un terzo occhio. Shiva ha arruffati capelli con un taglio di capelli distintivo. (Si dice che il fiume Gange scorra dai suoi capelli) Shiva è spesso raffigurato con una falce a mezza luna attaccata alla sua testa. Questo deriva dalla sua possibile associazione con Rudra.

L'articolo prosegue subito dopo


In alcune tradizioni induiste, Shiva viene visto come un’altra forma di Rudra, un dio vedico. Rudra è un nome talvolta utilizzato per indicare Shiva. Tuttavia, alcuni esperti Indù non riconoscono questi due esseri come lo stesso. Inoltre, alcuni Indù credono che Shiva sia forse una continuazione della identità nota precedentemente come Indra. Il significato della parola Shiva può essere letta come quella di “buon auspicio”, “quello puro”, di “essere rosso”, o “il supremo”.

Il numero cinque è collegato a Shiva. Si può fare riferimento a molte possibilità, tra cui i cinque elementi, i cinque mantra, o i cinque sensi. Questi sono di solito mostrati come le sue cinque facciate. Ci sono numerosi templi dedicati a Shiva. Nel sud dell’India ci sono cinque templi che si distinguono particolarmente. Queste rappresentano le cinque forme elementari di questa divinità – fuoco, acqua, aria, terra ed etere.

Shiva si dice che abbia un’ avatar. Le più comuni tra le sue incarnazioni sono Adi Shankara e Hanuman. Gli Indù che adorano Shiva più degli altri dei sono conosciuti come Shaiva.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*