Il Dio Mimir: tra significato mitologico ed espressione del business moderno

Guide

Il Dio Mimir: tra significato mitologico ed espressione del business moderno

Ultimamente c’è stato un ritrovato interesse nella figura del Dio Mimir. Una ricerca rivela che c’è una lista infinita di blog, aziende, società di consulenza e altre imprese private che utilizzano il nome del Dio della mitologia vichinga. Tuttavia, questo non dovrebbe essere una sorpresa, Mimir è conosciuto come il più saggio dio della mitologia norrena. (nordica-scandinava)

Non è raro per una società del 21 ° secolo di prendere in prestito il nome dalla mitologia antica. Molto si può raccontare su questo nome. Ad esso è associato un’immagine positiva. La reputazione di Mimir come un dio della saggezza e della conoscenza rende questo antico dio un candidato molto probabile per molte aziende che fondano il proprio nome sulla cultura. Questo non vale solo per un nome di business, ma può fare riferimento anche ad un prodotto. Un programma di software per il business porta il suo nome. Inoltre, alcuni blogger hanno chiamato i loro siti “Mimir” o “Pozzo di Mimir”, nel tentativo di dare ai lettori l’indicazione che questi siti erogheranno una qualche forma di conoscenza che possa essere utile loro.

In origine, il ruolo di Mimir nella mitologia norrena era piccolo ma fondamentale, soprattutto nel racconto della guerra Aesir-Vanir.

Era famoso per la sua conoscenza e la incommensurabile saggezza. Inoltre, era il custode del pozzo della saggezza, situato in Johunheim (uno dei nove mondi di questa mitologia, patria del gelo e dei giganti di roccia), e sotto le radici di Yggdasil (l’Albero del Mondo). Secondo le leggende, il pozzo era così importante per il dio Odino che sacrificò un occhio per bere dal Pozzo.

Tuttavia, per quanto intelligente Mimir fosse, non si shierò con il Dio più potente di Asgard. E ‘stato spesso raffigurato come amico di Aesir e del dio Honir. Quest’ultima amicizia si sarebbe rivelata avere conseguenze disastrose per il saggio dio.

Pur essendo affidabile per Odino, lui e Honir furono scambiati come ostaggi a Vanir come parte delle condizioni di pace dopo la guerra Aesir-Vanir. Egli divenne in seguito, con la nuova serie di Dei, consigliere di Honir, nominato da Vanir come leader.

Ci sono un sacco di descrizioni e riferimenti a Mimir nei principali manoscritti norvegesi.

Diversi riferimenti si trovano nelle poesie di Edda, tra cui la Völuspá e Sigrdrifumal. Nel Völuspá, egli è menzionato in due strofe e si riferisce al sacrificio di Odino del suo occhio per ottenere un sorso dal pozzo di Mimir.

Gylfagninning da Snorri Sturluson afferma che Mimir bevve dal pozzo stesso e per questo acquisì una grande conoscenza. Inoltre, racconta la storia e il destino della situazione degli ostaggi tra gli Aesir e Vanir.

La situazione degli ostaggi finì male per Mimir. Il Vanir non sospettando le grandi capacità di capo-guida di Honir, credette che Aesir invitò un dio incapace di entrare nei loro ranghi, e per questo cercò vendetta. Notando che Honir non avrebbe fatto nulla senza il consiglio di Mimir, Vanir decise di decapitare Mimir.

Naturalmente, questa azione non si risolse bene con Odino.

I tre manoscritti del XIII secolo, non erano l’unica forma di letteratura che coinvolge Mimir come personaggio.

Nel XX secolo, gran parte della mitologia norvegese rinacque. In primo luogo, la Marvel Comics ha iniziato la serie di grande successo “Thor”. Presto, altre divinità nordiche seguirono, arrivando a creare una nuova versione della leggenda di Asgard.

Il nome Mimir sembra avere una connotazione positiva per la maggior parte delle persone. E’ forse questa la ragione per cui le imprese su Internet sono disposte a usare il nome di questo Dio. Un dio buono che tuttavia rimase decapitato. Un racconto forse per dimostrare che non tutti gli dei sono perfetti, anche il più saggio fra loro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*