Il drago e il fiore d’oro, da Pechino al MAO di Torino

Cultura

Il drago e il fiore d’oro, da Pechino al MAO di Torino

36 tappeti provenienti dalla Città proibita.

“Segui il drago”, nuovo ciclo di appuntamenti in dialogo con questa straordinaria mostra.

Il Museo di Arte Orientale di Torino (MAO) inaugura “Il drago e il fiore d’oro”, una mostra con 36 tappeti della Cina imperiale, fra il XVII ed il XX secolo, provenienti dalla Città proibita di Pechino. Un’occasione unica per ammirare 36 pezzi straordinari (in tutto il mondo ce ne sono soltanto 300), alcuni di loro delle vere e proprie rarità, provenienti da collezioni private e assicurati per milioni. La rassegna sarà visitabile fino al 28 marzo 2016. E proprio all’insegna del drago e del fiore d’oro, due tra i simboli più antichi della cultura cinese, il MAO ha organizzato un nuovo ciclo di appuntamenti culturali in dialogo con l’omonima mostra, che consentiranno ai partecipanti di scoprire le raffinate tradizioni della millenaria storia cinese.

CALENDARIO DI APPUNTAMENTI “Segui il drago” (fino al 26 marzo 2016):

Visita guidata alla mostra (prenotazioni: 800329329). 18 dicembre e 22 gennaio.

Ore 16:30. 14 febbraio, ore 15.

Visita guidata alla mostra a cura della Coop. Theatrum Sabaudiae. 10 e 31 gennaio, 21 febbraio, 6 e 20 marzo. Ore 16.30.

Impressioni dalla Città proibita (attività per famiglie a cura dei Servizi educativi del MAO). 30 dicembre. Ore 16.

Colorazioni naturali: le piante tintorie. Botanica ed utilizzi nella Storia (incontro in collaborazione con Giardino forbito, sostenuto dall’Assessorato all’ambiente e Fondazione Torino Smart City). 14 gennaio. Ore 18.

Tra la Città proibita e il pozzo del drago (visita guidata alla mostra con degustazione di tè a cura di The Tea). 21 gennaio, 11 febbraio. Ore 18.

L’arte dei giardini e la cultura dello spazio anturale nella tradizione cinese (seminario di Emanuela Patella, CELSO Istituto di Studi Orientali). 23 gennaio. Ore 15.

Trame che ammaliano: la storia del tappeto cinese (conferenza di Filippo Comisi). 28 gennaio. Ore 18.

Il drago e la fenice: miti e simboli della cultura cinese (seminario di Alberto de Simone, CELSO Istituto di Studi Orientali). 6 febbraio.

Ore 15.

Dal 7 al 14 febbraio. FESTA DI PRIMAVERA (il MAO e l’Istituto Confucio festeggiano il Capodanno con le Associazioni cinesi della città). Dal 7 al 14 febbraio.

La dinastia qing aveva un cuore cinese? (conferenza di Monica De Togni, con il sostegno dell’Istituto Confucio di Torino). 18 febbraio. Ore 18.

Il drago e il filo dorato (workshop dedicato alla creazione di gioielli a cura di Francesca Suzzi di SF Jewel). 27 febbraio. Ore 15.

Il drago e la perla. taoismo e cosmologia nella decorazione dei tappeti cinesi (conferenza di Maurizio Paolillo). 3 marzo. Ore 18.

Legare per sempre: zhongguojie (workshop dedicato all’arte dei nodi, a cura dell’Associazione Zhisong). 12 marzo. Ore 15.

Le residenze sabaude e la fascinazione per la Cina (conferenza di Lucia Caterina). 17 marzo. Ore 18.

Le mie peonie (incontro con Giovanni Buffa). 24 marzo. Ore 18.

Concerto degli allievi cinesi del progetto Turandot a cura del Conservatorio Statale di Musica “Giuseppe Verdi” di Torino.

26 marzo. Ore 17.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche