Il dramma di Anna Frank ricordato in un fumetto COMMENTA  

Il dramma di Anna Frank ricordato in un fumetto COMMENTA  

Anna Frank

Il prossimo 27 gennaio si celebra in Italia un avvenimento importante come la Giornata della Memoria, data scelta perchè coincisa con l’abbattimento dei cancelli del campo di concentramento di Auschwitz e che vuole cercare di non lasciare passare sotto traccia un avvenimento drammatico per la storia mondiale come la Shoah che ha portato allo sterminio di ben cinque milioni di ebrei ad opera dei nazisti tedeschi.

Si tratta di un problema che ha coinvolto anche molti italiani che hanno rischiato la vita e c’è stato chi ha messo a rischio se stesso per salvare chi ormai sembrava spacciato, ma un personaggio che è conociuto da tutti e che può essere considerato un emblema di questi tragici avvenimenti può essere certamente Anna Frank, il cui diario che raccontava i momenti difficili in cui con la famiglia era costretta a nascondersi per sfuggire alla catura è stato tradotto in diverse lingue. Per cercare di comunicare questo problema con un linguaggio innovativo ma allo stesso tempo immediato come il fumetto è stata quindi realizzata una graphic novel su questo argomento dal titolo “Anne Frank, la biografia a fumetti” ad opera di due artisti americani, Sid Jacobson ed Ernie Colon, che vuole mantenere viva l’attenzione sul dramma attraversato da questa ragazzina.

Non deve quindi sorprendere il fatto che si sia scelto di comunicare attraverso il fumetto, che normalmente viene preferito per trattare temi più leggeri, perchè attraverso le immagini si riesce in maniera facile e immediata a commuovere i lettori e a far avvertire la sensazione di angoscia che veniva vissuta da molti in quel periodo. Il fumetto si è comunque mantenuto il più fedele possibile al testo originario ed è possibile ritrovarlo anche sotto forma di audiolibro dal titolo “Racconti dell’alloggio segreto” in cui si ha la possibilità di ascoltare attraverso la voce dell’attrice tedesca Alba Rohrwacher i racconti scritti dalla ragazzina in cui sognava di sfuggire alla triste realtà e desiderava diventare una scrittrice.

Immagine tratta dal sito www.parodos.it

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*