Il fantasma del chiostro di Santa Radegonda

Milano

Il fantasma del chiostro di Santa Radegonda

Il fantasma del chiostro di Santa Radegonda

Il convento di Santa Radegonda a Milano appare come un semplice edificio, antico e molto caratteristico, che riconduce ai secoli passati. Ma tra quelle mura, di notte, si può vedere una figura di un altro mondo che vaga senza una meta.

La storia del chiostro di Santa Radegonda è una vera tragedia d’amore, tra una ragazza, il suo amante e il padre di lei. I fatti si riferiscono a quanto accaduto nel XIV secolo, quando Bernabò Visconti costrinse la figlia Bernardina a sposare un uomo molto più grande di lei e fino a quel momento sconosciuto. Chiaramente, dietro questo matrimonio combinato vi erano motivi economici.

Bernardina Visconti però, dopo il matrimonio con un uomo che non amava, iniziò subito a cercare un ragazzo con cui poter essere felice e nel giro di pochi giorni lo trovò. Ma la storia non rimase segreta a lungo come i due giovani speravano. Bernabò accusò di furto il ragazzo, il quale fu costretto a confessare un reato mai commesso sotto tortura e fu impiccato pubblicamente.

La ragazza invece venne torturata segretamente, come punizione, per poi essere inviata nel convento di Santa Radegonda, su ordine del padre.

Bernardina, nel giro di pochi mesi, morì misteriosamente. Bernabò Visconti, sebbene non si sia mai pentito delle sue gesta, visse il resto della sua vita tormentato dal fantasma della figlia, che gli appariva nella sua vecchia casa. Ancora oggi, il fantasma della ragazza vaga per il chiostro del convento, e sono numerosi coloro che affermano di averla vista. A tutti appare smarrita, incapace di scegliere una strada che la porterà finalmente alla pace eterna.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche