Il furto de L’Urlo di Munch

Guide

Il furto de L’Urlo di Munch

Il 12 febbraio 1994, il giorno stesso dell’apertura delle Olimpiadi invernali di Lillehammer, due uomini hanno fatto irruzione nella Galleria Nazionale e hanno rubato la versione dell´Urlo, lasciando un biglietto “Grazie per la scarsa sicurezza”. Il dipinto era stato spostato verso il basso per una galleria del secondo piano, come parte dei festeggiamenti olimpici. Dopo che la galleria si rifiutò di pagare una richiesta di riscatto di 1 milione di dollari nel marzo 1994, la polizia norvegese con l’assistenza della polizia britannica (SO10) e il Museo Getty ha recuperato intatto il dipinto il 7 maggio 1994. Nel gennaio 1996, quattro uomini sono stati condannati. Sono stati rilasciati in appello per motivi legali:degli agenti britannici coinvolti nell’operazione erano entrati in Norvegia sotto falsa identità.
L’urlo e la Madonna sono stati rubati il 22 agosto del 2004, durante le ore diurne, quando uomini armati e mascherati entrarono nel Museo Munch di Oslo.

Un passante ha fotografato i ladri. L’8 aprile 2005, la polizia norvegese ha arrestato un sospetto in relazione al furto, ma i dipinti sono rimasti dispersi e si diceva che erano stati bruciati dai ladri per distruggere le prove. Il 1 ° giugno 2005 con quattro indagati già in carcere in relazione al reato, il governo della città di Oslo offre una ricompensa di 2 milioni di corone norvegesi (circa US $ 313.500 o 231.200 €), per informazioni che potrebbero aiutare a localizzare i dipinti. Anche se i dipinti sono rimasti dispersi, sei uomini vennero processati agli inizi del 2006. Tre degli uomini sono stati giudicati colpevoli e condannati tra quattro e otto anni di carcere nel maggio 2006, e due dei condannati, Bjørn Hoen e Petter Tharaldsen, sono stati inoltre condannati a pagare un risarcimento di 750 milioni di corone (circa US $ 117.600.000 o 86,7 € milioni di euro) per la città di Oslo.

Il 31 agosto 2006, la polizia norvegese ha annunciato che una operazione di polizia aveva recuperato sia L’urlo che la Madonna, ma non ha rivelato circostanze dettagliate del recupero.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...