Gruppi sanguigni rari: 0 positivo COMMENTA  

Gruppi sanguigni rari: 0 positivo COMMENTA  

Gruppi sanguigni rari: 0 positivo
Gruppi sanguigni rari: 0 positivo

Il gruppo 0 positivo è il più raro? Chi ha questo gruppo sanguigno è donatore universale? Ma da chi può ricevere sangue? Scopriamolo.

Il gruppo sanguigno di una persona è determinato dagli antigeni presenti sui globuli rossi nel sangue. I gruppi sanguigni possibili sono di 4 tipi: A, B, AB e 0, ognuno dei quali può essere positivo o negativo. Il gruppo sanguigno può influenzare la vostra dieta ad esempio, persone con gruppo sanguigno 0 positivo tendono ad manifestare una maggiore intolleranza al glutine.


Gruppi sanguigni rari

I gruppi sanguigni più rari sono quelli che presentano un Rh negativo. In assoluto, il più raro è lo o Rh negativo. La distribuzione dei diversi gruppi sanguigni varia alle diverse parti del mondo. Sia in Europa che in Nord America prevalgono i gruppi 0 ed A. In Asia, invece, si ha una prevalenza del gruppo sanguigno B. Anche all’interno dell’Italia esistono differenze di distribuzione che variano da regione a regione.


Il gruppo 0 positivo, presente nel 40% della popolazione italiana, è quindi il più diffuso. Segue il gruppo A positivo con il 36% di diffusione. Gli altri sono presenti in basse percentuali: lo 0 negativo lo si trova nel 7% degli individui, mentre il gruppo AB negativo è addirittura diffuso nello 0,5% della popolazione. Anche B negativo è scarsamente diffuso: lo possiede solo l’1,5%.

Gruppo 0 Rh positivo donatore universale

Il gruppo 0 positivo è considerato il donatore universale. Questo perché può donare a tutti coloro che presentano qualsiasi altro gruppo sanguigno. Infatti, mentre il gruppo sanguigno A presenta l’antigene A, così come il B presenta l’antigene B e il gruppo AB presenta entrambi gli antigeni A e B, il gruppo 0 non ne possiede nessuno. Questo fa sì che possa donare liberamente ai gruppi A+, B+, AB+ e O+. In realtà non è proprio universale in quanto non può donare al gruppo 0-, che invece è a tutti gli effetti i donatore universale.

Gruppo sanguigno 0 Rh positivo

Il gruppo sanguigno 0 Rh positivo non è affatto raro nella popolazione. Infatti si calcola che sia diffuso nel 40% degli italiani, alla pari del gruppo A. Avere questo tipo di gruppo sanguigno può avere conseguenze sul tipo di alimentazione da seguire. In particolare esistono patologie connesse al gruppo sanguigno. Il gruppo sanguigno di una persona può influire su come elabora il cibo e sui bisogni nutrizionali. Le persone con il gruppo sanguigno 0 positivo hanno spesso difficoltà a digerire il glutine.

 

Gruppo 0 Rh positivo: da chi può ricevere?

Il gruppo 0 positivo può tuttavia ricevere solo ed esclusivamente da un donatore che abbia un gruppo sanguigno simile. Il fattore Rhesus positivo limita la donazione di questo tipo di sangue a persone con un fattore Rh positivo, indipendentemente dal tipo di gruppo sanguigno. Le persone con gruppo sanguigno 0 Rh positivo possono, dunque, ricevere sangue soltanto da donatori di gruppo 0, con Rh sia positivo che negativo.

Chi può donare

Il donatore e il paziente devono avare un gruppo sanguigno compatibile affinché la trasfusione abbia esito positivo. Se non hanno compatibilità, possono verificarsi delle complicazioni, come occlusione delle vene o una reazione del sistema immunitario. Le persone con il sangue 0 positivo possono ricevere donazioni anche di sangue 0 negativo.

Come si fa a donare il sangue?

Leggi anche

varicella in gravidanza
Salute

Varicella in gravidanza: sintomi

La varicella è una malattia infettiva molto contagiosa. Cosa succede se vengono contagiate donne incinte?Ecco tutti i sintomi della varicella in gravidanza. Tra le malattie infettive, la varicella è una delle più contagiose. Il contagio Leggi tutto

1 Commento su Gruppi sanguigni rari: 0 positivo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*